22 maggio 2011

Il costo delle guerre in Afghanistan e Iraq: tra 4 e 6 mila miliardi di dollari

guerra costi
Il Nobel per l'Economia (2001) Joseph Stiglitz e la docente di Harvard (esperta di finanza pubblica) Linda J. Bilmes hanno recentemente rivisitato le loro stime sulle spese relative alle guerre in Iraq e Afghanistan: dagli iniziali 3 mila miliardi di dollari stiamo arrivando a una cifra compresa tra 4 e 6 mila miliardi di dollari.
Avrà ragione Valerio Evangelisti a individuare in quste mostruose spese l'origine della crisi mondiale?
«Ormai - scrive Evangelisti in "Economia metapolitica" (carmillaonline, 4 gennaio 2011) - viene ammesso senza remore da commentatori di differente ispirazione, come Innocenzo Cipolletta (1) e Loretta Napoleoni (2). Alle origini dell’attuale crisi economica ci sono le guerre in Iraq e in Afghanistan. Per finanziare imprese militari che gli Stati Uniti non potevano permettersi, l’amministrazione americana, attraverso la Federal Reserve, quasi azzerò i tassi di interesse, in modo da avere disponibilità dei capitali ingenti liquidi che le necessitavano. Tutti i governi occidentali furono obbligati, come sempre accade, a fare lo stesso per reggere il passo».

(1) Innocenzo Cipolletta, Banchieri, politici e militari, Laterza, 2010;
(2) Loretta Napoleoni, La morsa. Le vere ragioni della crisi mondiale, Chiarelettere, 2009.

How the Wars Are Sinking the Economy (Harvard Kennedy School, October 27, 2010)
Linda J. Bilmes is Daniel Patrick Moynihan Senior Lecturer in Public Policy at the Harvard Kennedy School. She is co-author with Joseph Stiglitz of the New York Times bestseller The Three Trillion Dollar War: The True Cost of the Iraq Conflict.

Nessun commento: