27 agosto 2013

Il Braille Phone: lo smartphone con lo schermo aptico

Il prototipo del cellulare-Braille - sviluppato da Sumit Dagar all'interno dell'incubatore CIIE (Centre for Innovation Incubation and Entrepreneurship) - utilizza una lega a memoria di forma (shape memory alloy) che permette di riprodurre i codici alfanumerici del Braille in tempo reale e disegna le figure rilevate dalla telecamera. In altre parole il Braille Phone traduce i segni grafici che compaiono sullo schermo dello smartphone in sensazioni tattili, come una vera e propria interfaccia aptica.

Abbiamo trattato questo tema su Linguaggio Macchina il 10 Marzo 2013 (Mappe per nonvedenti: logica evoluzione delle interfacce aptiche): si trattava di un'applicazione in grado di rappresentare le mappe a livello tattile.

A giudicare dai dati forniti dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, per il 2012, il Braille Phone, potrà essere molto utile: le persone con gravi problemi di vista erano 285 milioni, di cui 39 totalmente ciechi e 246 ipovedenti.

Andrea Mameli, Blog Linguaggio Macchina,  27 Agosto 2013.

La parte bassa del dispositivo ha i 4 tasti per standard (accendi, chiama, cancella, chiudi) e 2 frecce (avanti, indietro)
The world's first smartphone for blind people converts ead SMSes and emails which into Braille patterns.






Nessun commento: