23 febbraio 2021

Lavender Sea: a musical endorsement to film production and beyond. The Return to Sea and Sardinia project

D.H. Lawrence's map of Sardinia 
In early 1921, D.H. Lawrence set out with his wife Freida to travel through Sardinia. The chronicle of that journey, describing the experiences and feelings of the English writer, is narrated in the book Sea and Sardinia. Exactly one century later, the Photographer and art director Daniele Marzeddu and his team plan to retrace Lawrence’s steps this year and will capture their experiences through photography and a documentary film: Return to Sea and Sardinia

As well as Sea and Sardinia is more than a travel book, a film that tells its story must be more than a film. Therefore, this project includes a series of actions, which will be revealed later, between images, sounds and voices

The original plan was to film in January, the exact month Lawrence landed in Sardinia, but faced with a viral calamity, even the most perfect plan has be forced to change. For the time being we must confine our ambitions as film critics to listening to the first track of the soundtrack: because of the pandemic, everything to do with filming was postponed and solely the production of the sound track went ahead, ignoring the covid. 

During last weekend I had the opportunity to listen to this first portion of the music to accompany the film, composed by Glåsbird, Lavanda di Mare (Lavender Sea) and I must say that it was impossible not to think of Lawrence's journey. I found it the perfect emotional framework for the images of a journey within a journey. 

This film, as anyone interested in the stories of small productions knows, needs to raise funds. And music comes to the aid of visual art. How? By providing a compilation for the crowdfunding campaign set up by Daniele Marzeddu and his team. 

So Whitelabrecs have decided to curate a digital compilation, in which all proceeds will be donated to Return to Sea and Sardinia for a period of 12 months: Ennio’s Muse (Whitelabrecs Compilation).

The composers are: Glåsbird, Simeon Walker, Ian Hawgood, Adrian Lane, Théo Martin, Lorenzo Masotto, Mikael Lind, Emanuele Errante, Autistici & He Can Jog, Andrew Heath, Sven Laux, Grotta Veterano, The Green Kingdom, Blochemy, Anthéne & Simon McCorry, Logic Moon, Jazzdefector, Henrik Lauge & Enzo Orefice, Pruski, Andrew Lang, Mi Cosa de Resistance, S.hel, Pie Are Squared, Polaroid Notes and Nebel lang. 

The album is themed on cinematic scoring, inspired by the late great Ennio Morricone and throwing forward the themes of Mediterranean travel that lie ahead. 

The artists invited have been asked to produce a piece of music, as if they are scoring for an imaginary film.

Glåsbird, in writing music for cinema, how important is it to know the story and how important is it to see the images?

«I think fascinating results can come out of either approach, whether it’s scoring a cue to a pre-recorded film, or just using imagination without much in the way of imagery. My non-cinema work is all based around research and imagination, so for me writing music for film gives me yet more visuals and stories to help inspire my music.
If the film does not yet exist, then the approach I might take is to write a lot of material, to build a library of sounds. That way, the director has more to work with in matching up the music to a particular scene.
If the film is an adaptation or inspired by a book such as the case with Sea and Sardinia, then absolutely I feel it’s really important to read it! I like to bring stories, history, facts and culture together before writing my music. This helps draw inspiration and I like my work to mean something and show some respect to what exists already.»

Coming to the film Sea and Sardinia, you already have in mind what kind of atmosphere are you thinking of linking to the scenes? 

«I’ve already started working! Although I’m currently taking a break whilst we wait for news on when international travel will be allowed again, so that Daniele can follow through with the visit. I’d like to see some of the images or footage he collects and take the time to fine tune the sound I’ve already developed. We may use recordings of traditional Sardinian instruments for example, or perhaps some sounds that the team find in their visit.
Otherwise, what I’ve been working on so far has been informed by watching documentaries of Sardinia, stories and imagery Daniele has shared as well as of course, D.H Lawrence’s magnificent book. It may all change and develop, but I’ve got a collection of rich and modern classical leaning moods as well as some warm acoustic material, some percussion even to give some movement. As I’ve started already, the initial approach has been to create a collection of library music and so I’m trying to vary my sound quite a bit. We’ll see if there’s much dialog in the music, and if not, I’ll need to create lots of interesting ideas to help keep the viewers engaged in the film!»

Do you know Sardinia? Have you ever been there?

«I've been to Italy many times, but not Sardinia. So I do not know it in that sense. But as part of this project, as much as all of my album work (A Sonic Expedition), I am transcribing what I learn from inside the comfort of my home, traveling, without actually moving. Maybe some day I will visit.»

How did the idea of gathering more than 20 artists to create a compilation in support of this film come about?

«We’ve been trying to think of some ideas on fundraising between us, so that we can help make it possible for this film to take place. Harry from Whitelabrecs is involved in our discussions too and suggested a compilation. The label has run many large projects involving several artists before so it seemed a good idea. I was surprised that a release date of January was planned, when we only had the idea at the beginning of January. So many artists were approached and most produced something in time! It’s amazing how quickly it came together, but how good it all sounds too!
The short film for my track Lavanda di Mare was actually our last idea but it really cements the album and feels like it was always meant to be included. Daniele asked his friend Antonio who will be traveling to Sardinia with him, to put together some footage they’d shot before and it gives a really exciting experience of what’s to come from this project.»

Andrea Mameli - Linguaggio Macchina


[video of the week] Glåsbird – Lavanda di Mare


16 febbraio 2021

Un nuovo modello di intelligenza artificiale sviluppato su un computer quantistico. Uno studio coordinato da Enrico Prati pubblicato su Advanced Quantum Technologies

Un nuovo modello di intelligenza artificiale sviluppato su un computer quantistico. È il risultato di uno studio, coordinato dall'Istituto di fotonica e nanotecnologie del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ifn) di Milano, pubblicato (come storia di copertina) sull’ultimo numero della rivista Advanced Quantum Technologies.

Nel 2016 alla NASA era stata sperimentata su un computer quantistico una particolare famiglia di reti neurali chiamate macchine di Boltzmann. In quel caso per rappresentare ciascun neurone artificiale era stato utilizzato un solo qubit. Ma cosa è il quit? Il bit tradizionale, l’unità di informazione del calcolatore classico, può assumere i valori 0 e 1. Nel computer quantistico invece, proprio grazie alle proprietà della fisica quantistica, si utilizza il qubit, il quale può assumere più valori contemporaneamente e questo permette di effettuare più calcoli e diverse operazioni in maniera parallela e con più velocità rispetto ai computer tradizionali. 

Il gruppo di ricerca di Enrico Prati invece è riuscito a raggruppare più qubit per mezzo di una tecnica denominata embedding. E il qubit virtuale così originato eredita le connessioni di quelli che lo compongono, facendo incrementare enormemente la connettività del computer quantistico risultante.

Per capire bene cosa è successo nel laboratorio del CNR Linguaggio Macchina ha intervistato Enrico Prati.

Avete ottenuto questo risultato utilizzando un computer della società canadese D-Wave da 2.048 qubit. Per i lettori e le lettrici del blog Linguaggio Macchina possiamo spiegare cosa significa, materialmente, programmare un computer come questo?

«A differenza dei computer desktop, un computer quantistico a superconduttori è molto voluminoso - qualche metro cubo - perché include tutto l'impianto di raffreddamento che contiene il chip, che invece è di dimensioni del centimetro. Non occorre trovarsi materialmente davanti a questo computer per usarlo, e quindi lo si usa da remoto mediante un accesso che richiede autenticazione. All'atto pratico le chiamate al processore quantistico avvengono tramite un programma in un linguaggio standard ampliato da librerie che fanno la chiamata al computer quantistico.»

Il vostro lavoro con l'intelligenza artificiale ha anche lo scopo di orientare e migliorare i metodi di apprendimento delle reti neurali artificiali. In questa ricerca in particolare avete utilizzato un approccio semantico e con la tecnica del reverse annealing. In che cosa consiste?

«Il computer quantistico adiabatico come il DWave consente di essere utilizzato per generare una distribuzione di probabilità. Questa caratteristica risulta naturale per certi algoritmi, come l'algoritmo di Netflix basato sulla cosiddetta macchina di Boltzmann. Nei primi esperimenti, si era pensato di sfruttare solo questa caratteristica e poi svolgere il calcolo senza ulteriori ottimizzazioni, iniziando il training da stati casuali. Con a tecnica del reverse annealing si può partire da stati iniziali a immagine di elementi validi del dataset, in modo da sfruttare l'informazione fino dall'inizio, con maggiore analogia rispetto al caso noto per i computer convenzionali.»

Per vedere i risultati delle vostre ricerche pubblicati su Advanced Quantum Technologies in quanti avete lavorato e con quali competenze?

«Il lavoro è nato dalla tesi magistrale di Lorenzo Rocutto, all'epoca studente dell'Università Milano Bicocca, che ha trasformato l'idea di partenza in realtà, ed è stato sviluppato con la collaborazione del Professor Claudio Destri dell'Università Milano Bicocca, uno dei maggiori fisici teorici italiani, che ha accettato la sfida di applicare la sua conoscenza a un tema emergente come questo. Devo però dare merito al Quantum Team, l'eterogeneo e dinamico gruppo di giovani collaboratori che coordino, di aver continuamente supportato con critiche, idee, e discussioni il progresso di questo lavoro.» 

Prossimi passi?

«Questo algoritmo si presta a molte varianti matematiche e a molte applicazioni, che vanno dalla quantum security alla quantum finance, all'imaging. Quello che è certo è che le aziende hanno capito che il momento di muoversi è ora, e che la sperimentazione è il primo passo verso l'utilizzo.»

Andrea Mameli, blog Linguaggio Macchina, 16 Febbraio 2021

Lorenzo Rocutto, Claudio Destri, Enrico Prati
Advanced Quantum Technologies. First published: 14 December 2020
https://doi.org/10.1002/qute.202000133

Abstract - Restricted Boltzmann machines (RBMs) constitute a class of neural networks for unsupervised learning with applications ranging from pattern classification to quantum state reconstruction. Despite the potential representative power, the diffusion of RBMs is quite limited since their training process proves to be hard. The advent of commercial adiabatic quantum computers (AQCs) raised the expectation that the implementations of RBMs on such quantum devices can increase the training speed with respect to conventional hardware. Here, the feasibility of a complete RBM on AQCs is demonstrated, thanks to an embedding that associates the nodes of the neural networks to virtual qubits. A semantic quantum search is implemented thanks to a reverse annealing schedule. Such an approach exploits more information from the training data, mimicking the behavior of the classical Gibbs sampling algorithm. The semantic training is shown to quickly raise the sampling probability of a subset of the set of the configurations. Even without a proper optimization of the annealing schedule, the RBM semantically trained achieves good scores on reconstruction tasks. The development of such techniques paves the way toward the establishment of a quantum advantage of adiabatic quantum computers, especially given the foreseen improvement of such hardware.

15 febbraio 2021

La fisica che ci piace è quella di Vincenzo Schettini. Un canale youtube che aiuta a capire (e non solo la fisica)

Vincenzo Schettini è un fisico che insegna fisica, la ama e ama insegnarla. E lo fa, con successo, su YouTube, con il canale La fisica che ci piace


Le caratteristiche principali dei video del professor Schettini sono la chiarezza (per ogni argomento vengono fornite accurate spiegazioni, esempi e, quando il video è generato da una diretta, anche interazione in tempo reale con studenti e studentesse), la capacità didattica al di sopra della media (le lezioni sono sempre molto chiare, stimolanti e complete) e la simpatia del docente (che non va a detrimento della potenza dell'intervento formativo ma anzi la arricchisce). 
La morale in tutti i video di Vincenzo Schettini è semplice: non dovete imparare a memoria ma dovete capire e lo si fa con il buonumore è meglio. Come dargli torto? Anzi, in alcuni video è stato più esplicito: voglio che i miei studenti diventino più bravi e più intelligenti. I suoi studenti sono quelli dell'I.I.S.S. Luigi dell'Erba di Castellana Grotte (Bari) ma sono anche quelli che lo seguono su youtube (e non sono solo studenti).
Io ho visto molti suoi video e non ho mai trovato una spiegazione superficiale o un passaggio fatto tanto per farlo. Il professor Schettini ha tutta la mia ammirazione.
Poi ho sentito la necessità di andare oltre, per capire cosa ha significato questo progetto per il suo artefice. E così è nata questa intervista per Linguaggio Macchina.


Professor Schettini, come è nata l'idea di spiegare fisica, ma anche matematica, inglese e musica, attraverso i video? 
 «La dimensione del video è qualcosa che mi appartiene perché sono un musicista e quindi sono sempre stato abituato al palcoscenico, alla sperimentazione attraverso le immagini. Quindi ho sentito una forte attrazione nei confronti di un percorso completamente nuovo che includesse il racconto della scienza attraverso i video.»

In che modo ti sei organizzato, tra innumerevoli impegni di lavoro e personali, riuscendo a trovare il tempo necessario per registrare i video, caricarli e pensare ai successivi? 
«All'inizio non è stato difficile anche perché scorrendo indietro nel mio canale YouTube ci si rende conto che la maggior parte dei video erano realizzati in classe, cosa tra l'altro assolutamente autentica e tuttora molto apprezzata. Poi ho sentito l'esigenza di ampliare il racconto e ho cominciato a fare tutta una serie di progetti direttamente dal mio studio di posa, questo devo dire è stato e continua ad essere piuttosto complicato ma mi piace continuare con grande energia perché il riscontro è così forte che mi carico ogni volta di più.»

Quando hai iniziato pensavi che saresti arrivato a questi risultati? 
«Assolutamente no! Lo facevo semplicemente perché mi piaceva, ero felice nel fare le live nel comunicare in maniera semplice la scienza. Tutto quello che è venuto dopo è stato un dono, un meraviglioso dono.»



Quali sono le maggiori soddisfazioni in questa attività? 
«Una delle più grandi soddisfazioni e proprio poter essere un punto di riferimento per studenti, docenti, famiglie ma anche appassionati. Devo dire che è anche una grande responsabilità, cerco di essere il più preciso possibile anche perché in rete c'è moltissima gente che ama mettere continuamente "i puntini sulle i"… Ma io vado avanti tranquillo sapendo che la prima cosa che arriva attraverso il mio racconto è l’emozione.»

C'è qualcosa che ti ha deluso o infastidito? 
«Devo dire la verità che all'inizio ero piuttosto preso di sorpresa dagli insulti che a volte avvenivano durante le live. Fortunatamente pochi episodi, ma ho capito immediatamente che questo faceva parte del gioco e piano piano mi ci sono abituato. Si impara presto a capire che la rete è un luogo nel quale spesso la gente si nasconde dietro uno pseudonimo credendo di avere il potere di dire tutto quello che vuole. Questo per me che sono un adulto è una presa di coscienza, mi dispiace invece che molti giovani, magari fragili, possano soffrire per questo.»

In tutto questo (conoscenza, comunicazione, tecnica, organizzazione e motivazione) quanto conta la formazione musicale, tra rigore nella preparazione e capacità creativa? 
«Come ho detto prima conta moltissimo: la musica ha sviluppato fortemente il senso di creatività dentro di me e fuori di me. Devo dire grazie alla musica perché mi ha formato come artista e anche come persona. Sul discorso organizzativo invece è tutta una questione personale: schedulare in maniera attenta il lavoro, essere rigorosi, non perdere mai troppo tempo, puntare alla praticità ed all'essenzialità.»



Hai avuto notizia di essere stato di stimolo per qualche collega insegnante? 
«Tantissime volte! Mi scrivono molti insegnanti, mi confessano di condividere il mio materiale come supporto alle loro lezioni e mi ringraziano perché ho saputo “curare" un loro momento di sconforto, si sono fatti coraggio nell'andare avanti, specie in questo periodo così complicato per la scuola e per l’apprendimento.»

Andrea Mameli, blog Linguaggio Macchina, 15 Febbraio 2021

P.S. La Fisica che ci piace ha due sorelline: La Matematica che ci piace e La Musica che ci piace









12 febbraio 2021

INTERNATIONAL OPEN CALL Island2IslandArt 2021 Exhibition LIMINAL TIES UNVEILED. Deadline: 30th April 2021

INTERNATIONAL OPEN CALL

Island2IslandArt 2021 Exhibition

LIMINAL TIES UNVEILED


Applications to Island2IslandArt 2021 can be submitted from the 15th February 2021 to the 30th April 2021, midnight (BST).

The second edition of Island2IslandArt will take place in an ever-changing cultural and artistic environment highly affected by the 2020 pandemic.
In a spirit of optimism and anticipation for a return to normality and face-to-face encounters, we are calling all artists, British and international, for a selection of artworks to be displayed in our planned exhibitions taking place in the summer in Coventry, and in London in autumn. A hybrid format (physical-virtual) is planned if restrictions are still in place.
The original aim of our event, to deepen the cultural awareness of Sardinian art and culture, continues to be fundamental to our brief, particularly in this post-brexit times. With our new exhibitions, we are extending the discourse of remoteness and bridging gaps to include all islands in the world.
The objective is to open up a space for artistic connections in celebration of each other's heritage, cultural diversity and human connections.
Sardinia is one of the largest islands in the Mediterranean Sea and one of the most geologically ancient bodies of land in Europe. Its strategic position fostered a constant influx of populations and exchange of cultural traditions which are still present in contemporary life and found to be similar in other islands in the world.
Artists of any discipline are challenged to explore such connections and are invited to submit their proposals inspired by these cultural traditions with a direct or indirect relation amongst collective or individual experiences.
Themes might include: communalities and contrasts of culture and heritage; immigration/emigration; urbanism versus rural; environmental issues; isolation and ways of networking.
A jury panel will select the submissions which best reflect the spirit of the brief.
The selection will culminate in a group exhibition of up to 50 shortlisted artworks to take place in two separate locations: Coventry, UK City of Culture 2021, and London.
The event might move to virtual mode should the Covid19 situation carry onto September.

ELIGIBILITY
Contemporary artists working anywhere in the world, at any stage of their career are invited to apply. Original artworks should be submitted with a commentary of their meaning.

HOW TO APPLY Applications can be submitted only via submission form. Applications sent via post or email will not be considered.

Guidelines for submission of photographs of your work

Successful proposals will be notified by May 31st 2021.

IMAGE SUBMISSION All media is accepted. Including painting, photography, sculpture, video (see below), and all two-dimensional and three-dimensional work, new-media and any non-traditional media. We recommend that you do not apply with work that is dated prior to 2019.

Submit your artwork labelled as: title_media_sizeincm_year
 
VIDEO SUBMISSIONS
Artists working in video or time-based media can submit up to 3 video links.
Upload videos to a password-free hosting site such as Vimeo or Youtube.
Videos should be no longer than 3 minutes in length.
For further information: info@island2islandart.com

 

06 febbraio 2021

Babel Film Festival 2021 il grande cinema che osserva e racconta le minoranze linguistiche

 


 La Società Umanitaria-Cineteca Sarda, l'Associazione Babel e Areavisuale
Presentano:
Babel Film Festival 7° edizione

Scadenza per l'iscrizione al festival: 30 giugno 2021.


I premi dell'edizione 2021:

Premio "Maestrale" miglior lungometraggio, Assegnato dalla Giuria Babel, € 6.000,00

Premio "Maestrale" miglior documentario, Assegnato dalla Giuria Babel, € 2.500,00

Premio "Maestrale" miglior cortometraggio fiction, Assegnato dalla Giuria Babel, € 2.500,00

Premio UNICA Città di Cagliari, Assegnato dagli studenti dell'Università di Cagliari, € 1.500,00

Premio DIRITTO DI PAROLA, Assegnato dagli studenti delle scuole superiori di Cagliari al miglior cortometraggio di fiction, € 1.000,00

Premio ITALYMBAS, Assegnato dalle giurie popolari delle minoranze linguistiche italiane ai film parlati nelle lingue minoritarie tutelate dalla Legge 482/1999, € 1.000,00

Premio ONE WOR(L)D, Assegnato da una delegazione di richiedenti asilo politico presenti in Sardegna, € 1.000,00

Premio del pubblico FICC, Assegnato dalla giuria composta dai Circoli del Cinema FICC al miglior documentario, € 1.000,00

Premio del pubblico FEDIC, Assegnato dai Cineclub Fedic di Cagliari

Premio AAMOD, Assegnato dall'Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico di Roma, consistente nella possibilità di usare gratuitamente 3 minuti di film d'Archivio

Premio SCUOLA CINEMA OSTANA, Assegnato da una giuria della Scuola Cinema di Ostana

Premio DIARI DI CINECLUB, Assegnato dalla giuria della Rivista online Diari di Cineclub

Cagliari, 1 febbraio 2021 - Comunicato stampa
Torna a Cagliari l'appuntamento con il grande cinema che guarda e racconta le minoranze linguistiche.
Online il nuovo bando di iscrizione al concorso cinematografico internazionale, destinato esclusivamente alle produzioni in lingue minoritarie.
Un impegno culturale profondo quello del BFF e dei suoi tre direttori artistici, Antonello Zanda, Tore Cubeddu e Paolo Carboni, attestato negli anni anche dai riconoscimenti a livello internazionale e nazionale ricevuti per le passate edizioni: il patrocinio della Presidenza dell'Unione Europea e l'UNESCO, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Camera e Senato, del Consiglio d'Europa, dell'ANCI e di Elen (European Language Equality Network).
Anche quest'anno si prevede una grande partecipazione. Negli anni i numeri sono cresciuti esponenzialmente e solo nell'ultima edizione sono stati iscritti 113 film, tra i quali, la commissione selezionatrice, ha scelto 71 opere che rappresentavano ben 33 lingue minoritarie, facendo del festival una vera e propria maratona di cinema che prevedeva proiezioni dal pomeriggio alla sera.
Oltre alla proiezione delle opere in concorso non mancheranno eventi collaterali quali masterclass, incontri con esperti del settore del cinema e delle minoranze linguistiche, concerti e spettacoli, tenendo salda l'identità di un festival sempre attento alle esigenze del grande pubblico.
Sono previsti come sempre numerosi premi, non solo in denaro, grazie alla collaborazione dei tanti partner del festival. Si riconferma il Premio Italiymbas - che come sempre farà tappa a Martignano, Udine, Catania, Ostana e in alcuni centri dell'isola – e i premi AAMOD, FEDIC e FICC, Università di Cagliari, Scuola di Cinema di Ostana e Diari di cineclub.
Il Festival anche quest'anno sarà articolato in due sezioni principali: la sezione Ufficiale e le sezioni collaterali. La sezione ufficiale ospiterà film parlati nelle lingue minoritarie con una percentuale superiore al 50%.
I film saranno valutati e giudicati dalla GIURIA BABEL che assegnerà i premi per miglior lungometraggio (documentario o fiction di durata superiore ai 45 minuti), miglior cortometraggio fiction (non superiore a 45 minuti di durata), miglior documentario corto (non superiore a 45 minuti di durata).
Alla fase concorsuale delle sezioni collaterali, affidate a diverse giurie, partecipano anche i film la cui presenza è inferiore al 50%.
Nel programma del Babel 2021 ci sarà anche l'opera vincitrice del concorso Kentzeboghes per progetti cinematografici nelle lingue e dialetti della Sardegna, promosso dall'Associazione Culturale Babel, in collaborazione con Società Umanitaria - Cineteca Sarda di Cagliari, Ejatv, Areavisuale Film e Associazione Boxis.
È possibile scaricare il nuovo regolamento e il modulo di iscrizione sul sito del Festival
http://www.babelfilmfestival.com/ 

BABEL FILM FESTIVAL, c/o Società Umanitaria – Cineteca Sarda. Segreteria: info@babelfilmfestival.com

Ufficio Stampa: stampa@babelfilmfestival.com



La Società Umanitaria-Cineteca Sarda, l'Associazione Babel e Areavisuale

present:

BABEL FILM FESTIVAL 7th edition

 

The official deadline for registering for the festival is 30 June 2021.


The prizes of the 2021 edition are as follows:

"Mistral" Best Feature Film Award, assigned by the Babel Jury: € 6.000,00;

"Mistral" prize for best short documentary film, awarded by the Babel Jury: € 2,500.00;

"Maestrale" prize for best fiction short film, awarded by the Babel Jury: € 2,500.00;

UNICA Città di Cagliari prize, awarded by the students of the University of Cagliari: € 1.500,00;

DIRITTO DI PAROLA prize, awarded by Cagliari high school students to the best fiction short film: € 1.000,00;

ITALYMBAS prize, awarded by popular juries of Italian linguistic minorities to films spoken in minority languages protected by Law 482/1999: € 1,000.00;

ONE WOR(L)D prize, awarded by a delegation of political asylum seekers present in Sardinia: € 1,000.00;

FICC Audience Award, assigned by the jury composed by the FICC Film Clubs to the best documentary: € 1.000,00;

FEDIC Audience Award, assigned by the Cineclub Fedic of Cagliari;

AAMOD prize, awarded by the Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico of Rome, consisting in the possibility to use for free 3 minutes of Archive films;

SCUOLA CINEMA OSTANA prize, awarded by a jury of the Cinema School of Ostana.

DIARI DI CINECLUB prize awarded by the jury of the online magazine Diari di Cineclub.


Rules


Cagliari, February 1, 2021 - Press release

The appointment with the great cinema that looks and talks about linguistic minorities returns to Cagliari.

Online the new call for entries to the international film competition, intended exclusively for productions in minority languages.

A profound cultural commitment that of the BFF and its three artistic directors, Antonello Zanda, Tore Cubeddu and Paolo Carboni, also attested over the years by the international and national awards received for past editions: the patronage of the Presidency of the European Union and the 'UNESCO, of the Presidency of the Council of Ministers, Chamber and Senate, of the Council of Europe, of ANCI and of Elen (European Language Equality Network).

Great participation is expected again this year. Over the years, the numbers have grown exponentially and only in the last edition 113 films have been entered, among which, the selection commission, has chosen 71 works representing 33 minority languages, making the festival a real cinema marathon that included screenings from afternoon to evening.

In addition to the screening of the works in competition, there will be collateral events such as masterclasses, meetings with experts from the cinema sector and linguistic minorities, concerts and shows, keeping in mind the identity of a festival that is always attentive to the needs of the general public.

As always, numerous prizes are expected, not only in cash, thanks to the collaboration of the many partners of the festival. The Italiymbas Award - which as always will stop in Martignano, Udine, Catania, Ostana and some towns on the island - and the AAMOD, FEDIC and FICC awards, University of Cagliari, Ostana Film School and Film Club Diaries are reconfirmed.

The Festival again this year will be divided into two main sections: the Official section and the collateral sections. The official section will host films spoken in minority languages with a percentage of more than 50%.

The films will be evaluated and judged by the BABEL JURY which will award the prizes for best feature film (documentary or fiction longer than 45 minutes), best short fiction film (no longer than 45 minutes), best short documentary (no longer than 45 minutes). of duration).

Films whose presence is less than 50% also participate in the competition phase of the collateral sections, entrusted to various juries.

In the Babel 2021 program there will also be the winning work of the Kentzeboghes competition for film projects in Sardinian languages and dialects, promoted by the Babel Cultural Association, in collaboration with the Humanitarian Society - Cineteca Sarda di Cagliari, Ejatv, Areavisuale Film and the Boxis Association .

You can download the new regulation and the registration form on the Festival website: www.babelfilmfestival.com

BABEL FILM FESTIVAL (Società Umanitaria – Cineteca Sarda, Cagliari.

Info: info@babelfilmfestival.com

Press office: stampa@babelfilmfestival.com



29 gennaio 2021

Premio Franco Solinas 2021 (rinvio scadenze)

Premio Franco Solinas 2021 
Il Premio Franco Solinas si rivolge a sceneggiatori professionisti, o sceneggiatori emergenti che abbiano già acquisito e sviluppato la padronanza delle tecniche di sceneggiatura, che intendano presentare un progetto ambizioso da proporre al mondo della produzione e del cinema italiano ed internazionale. 
Il Premio Franco Solinas è un invito a scrivere per il cinema in modo attento, consapevole e strutturato, sia nei contenuti che nella forma, unendo lo spessore artistico alla capacità di comunicare col pubblico.
Il Concorso si articola in più fasi, caratterizzate dall’invio di un Soggetto e, successivamente e a condizione di essere stati selezionati fra gli Autori Finalisti, di una Sceneggiatura (i “Progetti”).

Le scadenze per la partecipazione al PREMIO FRANCO SOLINAS 2021 sono le seguenti:
- ore 24:00 del 2 marzo 2021 per l'invio via web (in formato doc o fdr o pdf o rtf) tramite il form 
- ore 24:00 del 3 marzo 2021 per l'invio della busta chiusa per posta (a: Premio Solinas, Via Cerveteri, 14 - 00183 Roma).

Il concorso si articolerà in più fasi, caratterizzate dall’invio di un Soggetto e, successivamente e a condizione di esser stati selezionati fra i Progetti Finalisti di una Sceneggiatura.

Al Concorso si partecipa in forma anonima a tutela della parità di condizione di tutti i Concorrenti partecipanti.

Ogni Concorrente può partecipare con un massimo di 2 Soggetti, scritti da un Autore singolo o da un gruppo di Autori o co-Autori intesi in senso unitario.

I materiali da inviare dovranno consistere in:
- presentazione ("pitch") di max 10 righe per 60 battute:
- soggetto di min 5 pagine e max 10 pagine.
    Il Concorso mette in palio i seguenti premi:
  1. PRIMA FASE - Premio Franco Solinas Miglior Soggetto: 1.000 €
  2. SECONDA FASE - Partecipazione al Lab di Alta Formazione, Sviluppo e business-oriented per gli Autori Finalisti delle Borse di Sviluppo
  3. TERZA FASE - Premio Franco Solinas Miglior Sviluppo: 1.000 €
  4. QUARTA FASE:
    • Premio Franco Solinas Miglior Sceneggiatura: 6.000 €
    • Borsa di studio CLAUDIA SBARIGIA dedicata a premiare il talento nel raccontare i personaggi e l’universo femminile: 1.000 €

Info Premio Solinas: 

28 gennaio 2021

Lo specchio di Viganella: la luce non arriva? la riflettiamo. The Viganella mirror: light does not come? we reflect it

Lo specchio di Viganella [visitossola.it]

Provate a immaginare di vivere in un paese di montagna in cui la luce del sole sparisce per qualche mese. Vi rassegnate o cercate una soluzione? Nel borgo italiano di Viganella, in Piemonte, hanno scelto la seconda. Dall’11 novembre (il giorno della cosiddetta "Estate di San Martino") al 2 febbraio (festa della Candelora), le montagne impediscono ai raggi del sole di raggiungere l'abitato. 
Nella qui sotto: il profilo della valle con in grigio la zona non illuminata dal sole al mezzogiorno del 21 dicembre (Solstizio Invernale) ovvero quando il sole è più basso sull'orizzonte.

Così, nel 1999, il sindaco Pier Franco Midali sottopone il problema allo gnomonista (esperto di traiettorie solari) Giacomo Bonzani che stava progettando una meridiana da disporre su una parete della chiesa di Viganella. I due interpellano un ingegnere dell'Università di Genova, Emilio Barlocco, titolare di un brevetto in tema di illuminazione delle gallerie autostradali e dopo la progettazione e la realizzazione dello specchio di 8 metri per 5, nel nel 2006 si arriva all'installazione della fonte di luce artificiale a 1100 metri di quota per illuminare il villaggio.



A Viganella, che ora fa parte del Comune di Borgomezzavalle, si organizzano escursioni fino allo specchio.

Nel film "C'è tempo" (film del 2019 con Stefano Fresi, regia: Walter Veltroni) uno dei protagonisti di mestiere fa l'osservatore di arcobaleni e il lucidatore dello specchio di Viganella.


The Viganella mirror
 (visitossola.it)

The hamlet of Viganella, today part of the municipality of Borgomezzavalle, lies halfway up the slope in the narrowest part of the Antrona Valley. Especially in the colder months, this position doesn’t allow the sun’s rays to warm up the beautiful stone buildings in the town. Until 2006, from 11th November to 2nd February each year its inhabitants were left unable to enjoy a ray of sunshine: 83 days of shade, cold and darkness.
The ingenious idea to alleviate the discomfort of the population was carried forward by far-sighted administrators and technicians who designed and made a special mirror. Positioned at an altitude of 1100 metres (3609 ft), this huge translucent steel mirror today reflects the sun’s rays onto the square in Viganella.
Viganella was the first place in the world to scientifically “change” climatic conditions, artificially bringing the sun where nature had never succeeded before. It is perhaps for this reason that television crews and journalists from all over the world (CNN, BBC, Al Jazeera and many others) came to the Antrona Valley to witness the incredible history of the Viganella mirror. 

Lo specchio che illumina Viganella (foto: Francoerbi)



Nel 2012 a Rjukan in Norvegia, hanno seguito l'esempio di Viganella 



The sun mirror in Rjukan [visitnorway.com]



27 gennaio 2021

Il fotografo di Mauthausen e il potere delle immagini

C'è un grande insegnamento nel film della regista Mar Targarona "Il fotografo di Mauthausen" (Netflix, 2019): le immagini sono importanti. Anzi, a volte sono fondamentali.
Chi avrebbe mai creduto al racconto delle atrocità commesse nei campi di concentramento senza la prova visiva? Basti pensare alle reazioni delle autorità inglesi e statunitensi di fronte al Rapporto Karski (1942).
In questo risiede l'immenso valore del gesto coraggioso compiuto da Francisco Boix (e di chi lo aiutò) nel far uscire da Mauthausen più di 20 mila negativi di fotografie scattate nel campo. Alcune di queste immagini nel 1946 furono assunte come prova documentale durante il processo di Norimberga.


L'abbondanza di quelle immagini si deve all’SS-Oberführer Paul Ricken, il quale decise di immortalare (e incaricò Francisco Boix di farlo) le attività quotidiane nel campo, gli arresti, le esecuzioni, gli interrogatori, i ritratti degli ufficiali, le visite delle autorità militari. 

View of the construction of the Gusen I concentration camp. Photographer: Francisco Boix. Circa 1942. Photo credit: United States Holocaust Memorial Museum, courtesy of National Archives and Records Administration, College Park


Tuttavia queste immagini, prima di diventare la storia che poi ha costituito l'anima del film, hanno avuto bisogno di altri due strumenti a sostegno della memoria: il documentario di 55 minuti del regista catalano Llorenc Soler "Francisco Boix un fotografo en el infierno" (2000) 


e il libro di Benito Bermejo "Francisco Boix, el fotografo di Mauthausen, Fotografias de Francisco Boix y de los archivos capturatos a los SS de Mauthausen" (2002):



Photos of Francisco Boix (United States Holocaust Memorial Museum)
La storia angosciosa di una foto terribile (ANPI)
Parigi rende omaggio a Francisco Boix, il fotografo di Mauthausen (ANED)
Il fotografo di Mauthausen (Dianora Tinti intervista Pedro J. Colombo)
Francisco Boix, gli occhi di Mauthausen (Fabio Casalini, 13 marzo 2018)


Sotto la scritta "Gli antifascisti spagnoli salutano le forze di liberazione" passano i soldati dell'Undicesima Divisione Corazzata della Terza Armata degli Stati Uniti. Foto: Donald R. Ornitz
[Photo Credit: United States Holocaust Memorial Museum, courtesy of National Archives and Records Administration, College Park]


25 gennaio 2021

Andaras Traveling Film Festival 2021

Andaras Traveling Film Festival 2021

Tutti i sapori del viaggio Fluminimaggiore e Buggerru, dal 20 al 25 luglio 2021

La scadenza per l'invio delle opere è fissata per il 18 Aprile 2021.

Categorie:
  1. “Super Shorts” cortometraggi sia di fiction che documentaristici della durata massima di 180 secondi
  2. “Docu-Shorts” cortometraggi non di fiction della durata massima di 30 minuti
  3. “Narrative Shorts” dedicata a cortometraggi di fiction della durata massima di 20 minuti
  4. “Gazes from the World” categoria dallo stile libero dedicata a cortometraggi sperimentali, di finzione e documentaristici con durata massima di 15 minuti
  5. “Animation” cortometraggi di animazione della durata massima di 15 minuti
  6. “Narrative Short Food” dedicata a cortometraggi di fiction della durata massima di 20 minuti a tema “food”
  7. “Docu-Short Food” cortometraggi non di fiction della durata massima di 30 minuti a tema “food”


Andaras Traveling Film Festival

All the taste of travel (Fluminimaggiore and Buggerru, from 20th to 25th July 2021)

The deadline for the submission of works is set for April 18th, 2021.

Categories:
  1. “Super Shorts” Short films both fiction or documentary, of a maximum duration of 180 seconds
  2. “Docu-Shorts” Non-fiction short films, of a maximum duration of 30 minutes
  3. “Narrative Shorts” Dedicated to fiction short films, of a maximum duration of 20 minutes
  4. “Gazes from the World” dedicated to experimental, fiction and documentary short films, not strictly connected with others categories, of a maximum duration of 15 minutes
  5. “Animation” Animated short films, of a maximum duration of 15 minutes
  6. “Narrative Short Food” Dedicated to fiction short films, food-themed, of a maximum duration of 20 minutes
  7. “Docu-Short Food” Non-fiction short films, food-themed, of a maximum of 30 minutes

22 gennaio 2021

Sono grato a Guido Van Rossum per il linguaggio Python

Sinclair ZX 80
ZX80 [Daniel Ryde, Skövde]
Quando mi trovai tra le mani lo ZX80, nel 1981, la prima domanda che mi venne in mente, lo ricordo bene, fu: Ma come diavolo nasce un linguaggio di programmazione? 
Una domanda idiota, come le migliori domande del mondo, a cui non ho saputo trovare risposta neppure nel 1991 quando affrontai la storia dei computer nel corso Teoria e Applicazioni di Macchine Calcolatrici, con l'acronimo TAMC, all'Università di Cagliari. E neppure dopo. Fino a ieri, quando sono andato a cercare l'origine del linguaggio Python, che sto con curiosità studiando e con meraviglia, in qualche modo, forse anche amando. La risposta l'ho trovata nel blog di Guido Van Rossum l'uomo che nel 1991 (ebbene sì, proprio l'anno di TAMC, quando il mio principale obiettivo era imparare il Fortran) inventò questo linguaggio. 
Guido Van Rossum [Dan Stroud]

Lo scopo di Guido Van Rossum era chiaro: creare un linguaggio, cioè un codice, object-oriented: ovvero "orientato agli oggetti", in grado cioè di creare modelli di oggetti del mondo reale. Ma questo cosa significa? Pensiamo a cosa accade nella realtà. Per costruire oggetti complessi si assemblano oggetti più semplici, facili da sostituire, spesso costruiti da altri, come accade nella costruzione delle automobili o delle lavatrici, in cui il produttore finale assembla parti oggetti (tachimetro, oblò, ecc.) costruiti da altri produttori. Inoltre chi produce parti elettroniche non deve ogni volta reinventare il transistor o qualsiasi altro un componente modulare prefabbricato. Allo stesso modo nel programmare il Python non si fa altro che prendere concetti dal mondo reale (albero, casa, gatto) e imprigionarli dentro il codice.

Guido inoltre voleva che Python diventasse un linguaggio "multi-paradigmatico", in grado cioè di garantire non solo il "paradigma" object-oriented, ma anche la programmazione strutturata, quella, per capirci, che prevede la scomposizione del problema in sotto problemi più semplici e procedendo per blocchi di istruzioni da eseguire in sequenza. Il successo di Python è arrivato con la sua diffusione in ogni campo: nelle scuole (a quanto pare è la lingua più insegnata nelle scuole elementari del Regno Unito), nelle università (a quanto pare è il linguaggio di programmazione più diffuso nelle università statunitensi) e in ambito industriale (ad esempio: Amazon, Facebook, Google, IBM, NASA, Netflix, Walt DisneyAnimation, Youtube). 


E se Python è utilizzato nell'industria, non meno lo è nella ricerca: in bioinformatica, fisica, ingegneria, matematica. Perché tanta diffusione? Sicuramente uno dei suoi pregi è la grande disponibilità di librerie, cioè di enormi scaffali a disposizione per prendere pezzi già pronti da assemblare. Una di queste è scipy (molto usata proprio in ambito scientifico).

Python è un linguaggio interpretato: il codice che scrivo sul computer viene trasformato immediatamente in linguaggio macchina (la lingua che ha dato il nome a questo blog e che può essere capita direttamente dal computer, che per questo si chiama linguaggio di basso livello). Devo dire che è davvero semplice utilizzarlo su qualsiasi tipo di macchina.

E perché si chiama Python? Lasciamo rispondere Guido: «nel dicembre 1989 stavo cercando un progetto di programmazione per "hobby" che mi avrebbe dovuto tenere occupato nella settimana vicina a Natale. Il mio ufficio sarebbe stato chiuso ma io avevo un computer e non molto di più. Decisi così di scrivere un interprete per un nuovo linguaggio a cui avrei pensato dopo: un discendente dell'ABC, che sarebbe dovuto appartenere agli hacker di Unix. Scelsi Python come nome per il progetto, essendo leggermente irriverente (e sono un grande fan di Monty Python's Flying Circus)». 

Monty Python's Flying Circus (1969)


Facciamo una piccola deviazione e andiamo a vedere sul blog di Guido qual è la sua storia preferita. 
L'ho trovata nel post King's Day Speech: nel 2015 dedicò 20 minuti a un gruppo di studenti e docenti della Babylon University (Iraq) in video conferenza. Il tema era ovviamente Python. 
A ripensarci Guido si commuove: 
Thanks to the efforts of the audacious woman who organized this event in a war-ridden country, students at Babylon University are now being taught introductory programming classes using Python. I still tear up when I think about the power of that experience. In my wildest dreams I never expected I’d touch lives so far away and so different from my own. 

 

(Grazie agli sforzi dell'audace donna che ha organizzato questo evento in un paese in guerra, agli studenti dell'Università di Babilonia oggi vengono impartite lezioni introduttive di programmazione utilizzando Python. Mi viene ancora da piangere quando penso al potere di quell'esperienza. Nei miei sogni più folli non mi sarei mai aspettato di toccare vite così lontane e così diverse dalla mia.)

 

Ritorniamo ai primi anni di Python: nel 1999 Guido Van Rossum presentò una proposta al DARPA (Defense Advanced Research Projects Agency) intitolata "programmazione per tutti" ("Computer programming for everybody"), in cui definiva i suoi obiettivi: deve essere un linguaggio semplice, intuitivo e potente quanto i suoi maggiori avversari; dotato di un codice sorgente aperto, in modo che chiunque avrebbe potuto partecipare allo sviluppo e al miglioramento del linguaggio; un codice facilmente comprensibile, più vicino possibile all'inglese parlato (per questo si dice che Python è un linguaggio di alto livello). Da queste caratteristiche appare chiaro che quando si ha un bel progetto (e le adeguate competenze per sostenerlo) il resto è in discesa.

A tutto questo se aggiungiamo la grande disponibilità di librerie (di cui ho parlato sopra), di strumenti e di comunità di supporto (di cui parlo sotto) e di bibliografia (libri, articoli, forum, siti web) ci rendiamo conto di come questo uno strumento possa avere conquistato il posto che ha. Io aggiungo che Python è anche molto bello: in parte perché ha un comportamento elegante (indenta e colora per esempio), in parte perché lascia libertà alla creatività (decidere come chiamare le cose per esempio), come dire: bello da vedersi (in fase di creazione) e bello nei risultati che offre.

Un piccolo esempio di 5 righe di codice per calcolare l'area di una circonferenza in cui si deve digitare il valore del raggio. 
La prima riga è solo un commento, trasparente al computer; nella seconda riga stampo un bel Ciao; nella terza definisco l'oggetto raggio e chiedo nello stesso tempo di inserire il valore del raggio da tastiera; nella quarta introduco la formula che sarà utilizzata dal computer: area = pigreco per raggio al quadrato; nella quinta riga scrivo la formula; nella quarta riga chiedo al programma di stampare su schermo la frase "Risultato: l'area è di" seguita dal risultato numerico e infine l'unità di misura. 

  
# Un programmino per il calcolo dell'area della circonferenza 
print ("Ciao")
raggio = float(input("Se vuoi l'area inserisci la misura del raggio in cm: "))
area = 3.14159*(raggio**2)
print ("Risultato: l'area è di", area, "cm")

poi, digitando il valore del raggio - in questo esempio ho digitato sulla tastiera 54.3 (la virgola viene indicata con il punto) - il programma fornisce il valore dell'area: 

  Ciao
Se vuoi l'area inserisci la misura del raggio in cm: 54.3
Risultato: l'area è di 9262.946699099999 cm

E questo è proprio, solamente, l'inizio.

Sono grato a Guido Van Rossum perché ora ho capito come nasce un linguaggio.


Andrea Mameli, blog Linguaggio Macchina, 22 Gennaio 2021



Informazioni ufficiali nel sito ufficiale: python.it


Libri utili ne esistono parecchi. Io consiglio questo di Marco Buttu: Programmare con Python


Di tutorial per imparare il linguaggio Phyton è pieno youtube. 
Per chi ha bisogno di iniziare, proprio da zero, suggerisco questo: