16 aprile 2011

Correlazione tra Mycobacterium avium subsp. paratuberculosis e Sclerosi Multipla in pazienti sardi in uno studio pubblicato il 13 aprile su PLoS ONE

Mycobacterium avium subsp. paratuberculosis MS La Paratubercolosi (PTBC) è un'infiammazione cronica dell'intestino causata dal Mycobacterium avium subspecies paratuberculosis (MAP). Numerosi studi indicano l’infezione provocata da questi batteri quale causa eziologica coinvolta nel determinismo del Morbo di Crohn (MC). Una recenstissima pubblicazione indica una possibile correlazione tra MAP e Sclerosi Multipla. Lo studio, condotto da un gruppo internazionale guidato da ricercatori delle Università di Cagliari e Sassari, ha riguardato 50 persone (28 femmine e 22 maschi) affette da Sclerosi Multipla in Sardegna: 21 di esse (il 42% del totale) sono risultate positive a PCR contro 7 su 56 nel gruppo di controllo (12.5%).
L'articolo “Association of Mycobacterium avium subsp. paratuberculosis with Multiple Sclerosis in Sardinian Patients” (PLoS ONE, 13 aprile 2011) è firmato da: Davide Cossu (Dipartimento di Scienze Biomediche, Sezione di Microbiologia e Virologia, Università di Sassari), Eleonora Cocco (Centro Sclerosi Multipla, Dipartimento di Scienze Cardiovascolari e Neurologiche, Università di Cagliari), Daniela Paccagnini (Dipartimento di Scienze Biomediche, Sezione di Microbiologia e Virologia, Università di Sassari), Speranza Masala (Dipartimento di Scienze Biomediche, Sezione di Microbiologia e Virologia, Università di Sassari), Niyaz Ahmed (Pathogen Biology Laboratory, Department of Biotechnology, School of Life Sciences, University of Hyderabad, Hyderabad, India, and Institute of Biological Sciences, University of Malaya, Kuala Lumpur, Malaysia), Jessica Frau (Centro Sclerosi Multipla, Dipartimento di Scienze Cardiovascolari e Neurologiche, Università di Cagliari), Maria Giovanna Marrosu (Centro Sclerosi Multipla, Dipartimento di Scienze Cardiovascolari e Neurologiche, Università di Cagliari), Leonardo A. Sechi (Dipartimento di Scienze Biomediche, Sezione di Microbiologia e Virologia, Università di Sassari).
Andrea Mameli per www.linguaggiomacchina.it


Evaluation of serum samples from 50 MS patients (right column) and 56 healthy controls (left column)
Evaluation of serum samples from 50 MS patients (right column) and 56 healthy controls (left column) against MAP2694 recombinant protein by the AUC-ROC test. The horizontal blue line highlights the cut-off value(s) which gives a specificity of 25%. Data are presented as OD values observed in ELISA. Area under curve (AUC) = 0,686; P = 0,0003.



Abstract
Mycobacterium avium subsp. paratuberculosis (MAP) infection is highly spread in the ruminant herds of Sardinia, in the Western Mediterranean. The objective of this study was to investigate prevalence of MAP infection in association with Multiple Sclerosis (MS) using clinical specimen from patients and controls. We analyzed samples for the presence of MAP specific DNA and to demonstrate humoral response to a MAP protein (MAP2694), a predicted homologue of the T-cell receptor gamma-chain/complement component 1 of the host. We found presence of MAP DNA in 42% of the MS patients and an extremely significant humoral immune response revealed by the MS patients against the MAP protein. In our opinion, this is the first report that significantly associates MAP infection with MS. Further studies will be required to confirm if MAP could be one of the triggers of MS, according to the molecular mimicry theory, in susceptible (and genetically at risk) individuals.

9 commenti:

Anonimo ha detto...

è criminale parlare di questo piccolo studio come se fosse la scoperta della causa della SM. Chi ha dato l'ANSA è un irresponsabile. Per fortuna i malati di SM sono abbastanza intelligenti da capire che non è stata scoperto nulla di così ecclatante.

Andrea Mameli ha detto...

Infatti se legge attentamente il mio post vede che non si parla assolutamente di "causa della SM" ma di "possibile correlazione tra MAP e Sclerosi Multipla" e che lo studio ha riguardato 50 persone.
Questo genere di critiche andrebbe rivolto a chi spara titoloni eclatanti su quotidiani e agenzie senza riguardo per i malati di SM e per le loro famiglie.

Andrea Mameli ha detto...

ANSA, 16 aprile 2011
Sclerosi multipla, micobatterio sospetta causa
Se i dati saranno confermati da studi più vasti, si potrà ipotizzare lo sviluppo di un vaccino
http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/scienza/2011/04/16/visualizza_new.html_901390636.html

Gianluca ha detto...

A me l'articolo sembra equilibrato. E' indicato chi ha compiuto la ricerca, dove è pubblicata, quando è avvenuta, cosa ha riguardato e come è stata svolta... e non mi sembra ci sia nessuna "vendita di speranza" come, purtroppo, sempre più spesso accade in giornali e riviste di spessore regionale e nazionale.

ladymacbeth ha detto...

Sinceramente non ci trovo niente di scorretto. Sicuramente non dà adito a speranze, come hanno fatto praticamente tutti i giornali che ho visto in questi giorni, alcuni dei quali si lanciavano verso vaccini e cure definitive.
Condivido il fatto che la notizia non sia così eclatante, visto che la sclerosi è legata a un sacco di patologie virali (per esempio l'Epstein-Barr) e che lo studio è stato condotto su un campione piuttosto limitato.
D'altra parte se alimentare speranze è scorretto come paziente sapere che qualcosa si muove è rassicurante.

Gianfranco Meloni ha detto...

Ora dobbiamo credere che chi fa informazione scientifica in modo corretto, come questo bellissimo blog, sia
un "irresponsabile"?
Evidentemente la propaganda del bavaglio funziona maledettamente...

Andrea Mameli ha detto...

Evidentemente far circolare le informazioni, in maniera critica e non appiattita, disturba. Quale migliore incoraggiamento per proseguire in questa direzione?
"Giornalismo è diffondere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è propaganda" (Horacio Verbisky).

Andrea Mameli ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

Sarebbe bello sapere come si puo diagnosticare la presenza del batterio e dove ?

Ediz Paripovic