22 settembre 2011

E se il neutrino fosse più veloce della luce? Prima di sentenziare lasciamo completare l'Opera.

neutrini Per tre anni hanno viaggiato tra il CERN di Ginevra e i laboratori del Gran Sasso percorrendo 732 km. Oggi sembrano rivelare qualcosa di inatteso: sembrano muoversi a velocità superiori a c, la velocità della luce = 299792458 km al secondo. Ora, se un fotone percorresse questa distanza nel vuoto impiegherebbe un tempo pari a 732 diviso 299792458: 2,442 millesimi di secondo. Invece alcuni neutrini contenuti nei 15.000 fasci inviati dal CERN al Gran Sasso pare (leggendo le news) siano riusciti a giungere a destinazione molto più in fretta: 60 milionesimi di secondo in meno.
OPERA La notizia importante, a leggere articoli, post e lanci d'agenzia, sarebbe proprio il superamento da parte dei neutrini della velocità della luce nel vuoto. E alcuni, forse troppo frettolosamente. si spingono fino ad associare questo risultato, sempre che sia confermato, con la violazione della Teoria della Relatività Ristretta.
L'esistenza dei neutrini fu postulata nel 1930 da Wolfgang Pauli ma furono scoperti solo nel 1956 dai fisici Clyde Cowan e Fred Reines. Per rivelare queste particelle servono strumenti molto sofisticati: nel Gran Sasso dal 2006 è attivo il sistema di cattura denominato OPERA (Oscillation Project with Emulsion-tRacking Apparatus). opera
Se l'esistenza dei neutrini più veloci della luce sarà confermata allora ci sarebbe proprio da festeggiare OPERA e l'attività dei ricercatori che ci lavorano come protagonisti di un grandioso colpo di scena nella conoscenza della natura.
Io preferisco aspettare il seminario organizzato (da tempo) a Ginevra e in programma domani pomeriggio: New results from OPERA on neutrino properties, by Dario Autiero (Institut de Physique Nucleaire de Lyon). Friday, September 23, 2011 from 16:00 to 18:00 (Europe/Zurich) at CERN (Council Chamber). this event will be available live via the Webcast Service.

PS Io preferisco non lasciarmi prendere dal panico. Intanto il concetto di velocità superluminale non è assolutamente nato oggi. E poi - a parte il fatto che esiste anche la Relatività Doppiamente Speciale (Doubly special relativity) - non vedo una violazione della Relatività nell'eventuale superamento della velocità della luce. Casomai se c'è una cosa che mi causa agitazione molecolare, per non dire che mi fa specie, è che forse la maggior parte delle persone che adesso si stanno occupando della notizia, giornalisticamente parlando, non sapevano neppure che sotto il Gran Sasso sono attivi alcuni importanti esperimenti. Ma in fondo se se ne parla è un bene. Potere della notizia...

Andrea Mameli, 22 settembre 2011 www.linguaggiomacchina.it

"Extraordinary claims require extraordinary evidence" (Carl Sagan)

Nessun commento: