17 maggio 2012

Cafarnaum Project: 3D rendering. Anteprima mondiale a Cagliari per Eurographics 2012.

Cafarnao è un'antica città della Galilea che sorgeva sulle sponde nord-occidentali del lago di Tiberiade, in Israele. I resti, riportati alla luce solo nel XX secolo, sono rappresentati da una sinagoga con colonne di marmo, risalente al II secolo, e un'abitazione identificata come la "Casa di san Pietro". Sopra quest'ultima è stata costruita una chiesa di forma ottagonale, sopraelevata dal livello del suolo.
Una visuale completa del sito archeologico di Cafarnao composta da 289 scansioni, è ora navigabile via web: un risultato - presentato in anteprima mondiale a Cagliari in occasione del congresso internazionale Eurographics 2012 - reso possibile dalla collaborazione tra Gexcel, spin off dell'Università di Brescia (da quest'anno localizzata anche nel Parco scientifico e tecnologico della Sardegna), Faro Laser Scanner, La Custodia di Terra Santa, l'Università di Brescia e CRS4 di Pula (Cagliari).
Il livello di accuratezza e precisione è elevatissimo: le scansioni sono state editate con il software JRC 3D Reconstructor e sono state pubblicate in gexcel R3, in unaversione potenziata. Ora è possibile visualizzare le scansioni tutte insieme in un unico modello.
L'allineamento di tutte le 289 scansioni è stato completato in JRC 3DReconstructor, quindi tutte e tre le parti del rilievo (la casa di San Pietro, il paese di Cafarnao, la Sinagoga) sono complete.
Inoltre Gexcel ha sviluppato, sempre in collaborazione con il CRS4, un sistema per gestire on-line enormi quantità di dati tridimensionali rappresentanti la realtà, con associate le relative fotografie ad alta risoluzione.
I software gexcel R3 e JRC 3D Reconstructor si sono rivelati non solo di grande impatto visivo, ma anche preziosi dal punto di vista qualitativo.
Infine, un innovativo prototipo di tavolo touch-screen (sviluppato dall'Università di Cagliari e da Gexcel), ha reso possibile una navigazione 3D personalizzata. Ciò ha permesso ai visitatori di entrare e "camminare" in ambienti 3D reali apprezzando i dettagli dicolore del più piccolo mattone anche on-line.
Il 17 maggio nello stand della società Gexcel a Eurographics 2012 è stata resa fuibile anche una ricostruzione della chiesa cagliaritana di Bonaria, acquisita con uno scanner ed elaborata in una mattinata di lavoro.
La ricostruzione, manipolabile al tavolo touch screen ideato da Gexcel, è stata mostrata al Presidente dell'Associazione Europea di Computer Graphics, Thomas Ertl, e al Sindaco di Cagliari Massimo Zedda).

Andrea Mameli 18 maggio 2012 www.linguaggiomacchina


Nessun commento: