17 novembre 2013

Cinque teste di pietra trovate in Egitto.

Ci sono ancora tesori nascosti sotto terra. Basta consultare siti come phys.org (Archeologists in Egypt unearth 3000-year-old tombs) o come Archaeology News Network per essere aggiornati sui ritrovamenti che vengono segnalati ogni giorno. Alcunui titoli recenti, a titolo di esempio: Roman chamber tomb found in ancient Corinth, Megalithic burial site found in Palakkad, Stone coffin excavated at Lincoln Castle.
Poche ore fa le agenzie hanno battuto la notizia del ritrovamento in Egitto di quattro teste di pietra, da parte di una squadra di archeologi egiziani e francesi. Il ministro egiziano alle antichità, Mohammed Ibrahim, ha spiegato che il ritrovamento è avvenuto nei pressi del tempio di Armant, località 50 chilometri a sud di Luxor, dove alcuni anni fa furono rinvenute quattro statue prive della testa. Le teste, alte circa 50 centimetri, risalirebbero a 4000 anni fa.

Per il momento non sono disponibili foto del ritrovamento.

Chissà quante cose aspettano ancora di essere dissepolte e chissà quante sono state trafugate e quante ancora distrutte o inglobate in case, fabbriche, autostrade.


Andrea Mameli
Blog Linguaggio Macchina
17 Novembre 2013 


The French Egyptian Mission working in Armant Temple, located 25 kilometres south of the Upper Egypt town of Luxor, has unearthed five heads of royal statues during routine excavation and restoration works at the temple.

1 commento:

Gianfranco Meloni ha detto...

I ritrovamenti effettuati in zone abitate, cementate, asfaltate, talvolta afflitte dai problemi di degrado tipici delle periferie, sono particolarmente affascinanti!
Un esempio spettacolare lo abbiamo avuto da poco (settembre 2013) proprio a Nuoro:
http://www.videolina.it/video/servizi/51225/a-nuoro-nel-centro-urbano-riaffiora-il-villaggio-nuragico.html