05 agosto 2017

Andrea Dresseno (Italian Videogame Program): «Il videogioco nuova frontiera nella valorizzazione del territorio»

Al convegno “Giocando si cresce: prospettive e nuove opportunità offerte dall'industria dei videogame in Sardegna” (svoltosi a Pula, nell'auditorium del Parco scientifico e tecnologico, il 4 agosto) Andrea Dresseno ha portato la voce dell'Italian Videogame Program: «se uno sviluppatore è interessato a realizzare un videogioco legato al territorio può avvalersi di IVIPRO e della Film Commission.»
La slide sullo sfondo spiega molto bene il tipo di proposta: "AESVI e IFC sostengono l'industria del videogioco attraverso IVIPRO. Sei uno sviluppatore interessato a realizzare un'opera legata alla cultura e al territorio italiano? Siamo pronti ad assisterti in tutte le fasi di sviluppo del progetto."
L'accordo sottoscritto a Venezia il 6 settembre 2016 "Aesvi e IFC insieme per promuovere l’industria nazionale dei videogiochi e favorire la promozione del patrimonio storico, artistico e paesaggistico italiano" indica due due obiettivi principali: "offrire maggiori opportunità alla crescente industria italiana del videogioco, contribuendo a elevare il livello di competitività del Paese sullo scenario internazionale nel settore, e favorire al contempo la valorizzazione del territorio e del patrimonio storico, artistico, paesaggistico e turistico del Paese, attraverso il sostegno alla creazione e alla produzione di videogiochi e di applicazioni interattive legate ad esso."

Al convegno di Pula Andrea Dresseno ha mostrato alcuni esempi.
«A Monteriggioni, dove è ambientato il videogame Assassin's Creed, dal 2009 al 2010 si registra un incremento degli arrivi del 7% e un incremento dei pernottamenti dal gennaio a giugno del 16% mentre i percorsi sui camminamenti aumentano del 30%. Non è detto che questi dati siano strettamente connessi con il videogioco. Ma l'anno scorso l'amministrazione comunale di Monteriggioni ha intervistato 500 turisti e un turista su 6 aveva conosciuto il borgo proprio grazie al videogame.»

La fortezza di Palmanova, realizzata dalla Serenissima di Venezia nel 1593, è lo scenario scelto dai produttori del videogame Palmanova set per Gears of War 4 e Ivipro
Gears of War 4 e da alcuni anni nella città friulana si svolge un festival del gioco e della creatività: "The Game Fortress. La fortezza del divertimento".

Andrea Mameli
blog Linguaggio Macchina
5 Agosto 2017

Monteriggioni e Assassin’s Creed II, otto anni dopo (Italian Videogame Program, 24 Luglio 2017)

Nessun commento: