22 settembre 2017

Cosa ho imparato leggendo il Manuale di sopravvivenza dell’attore non protagonista di Ninni Bruschetta

Ci saremmo potuti incontrare sul set della fiction L'isola di Pietro, dove lui interpretava il padre di Caterina e io il patrigno di Diana, ma non accadde mai, nonostante le due ragazze avessero non pochi punti di contatto nella storia. Lui è Ninni Bruschetta, uno che tra cinema e serie tv ha lavorato in quasi 100 set. Io, che di set non ne conto neanche 10, da uno come lui ho solo da imparare.
Così, quando su Twitter ho visto la copertina del suo Manuale di sopravvivenza dell’attore non protagonista ho deciso di leggerlo.
Certo, l'aver scritto un "Manuale di sopravvivenza energetica" mi porta a interessarmi a tutti i manuali di sopravvivenza che incontro. Ma non è solo questo: essere (o meglio diventare) un "attore non protagonista" mi sembra un obiettivo importante e come tale richiede non solo preparazione ma anche consapevolezza. E la consapevolezza cresce quando c'è qualcuno che ti racconta la sua esperienza e la sua visione in tema.
In effetti il libro di Ninni Bruschetta si è rivelato un ottimo acquisto: mi ha insegnato qualcosa (in particolare nelle dinamiche interne alle produzioni), mi ha mostrato un impegno morale (nel capitolo sulla mafia vista dalle fiction), mi ha divertito (nei resoconti dei viaggi da un set all'altro e delle relazioni con gli altri attori), mi ha confermato alcuni punti fermi (per ottenere risultati serve impegnarsi seriamente e «Non bisogna mai farsi condizionare dalle proprie emozioni, bisogna saper essere freddi e veramente umili. Sempre»), mi ha motivato («Il fine del nostro lavoro, cioè il racconto, è un aggregante sociale e umano»).
Ninni Bruschetta sembra spinto da un desiderio genuino e da una sana voglia di analizzare criticamente: quello che ho imparato, in tanti anni di sacrifici e di soddisfazioni, quello che ho visto intorno ai set, quello che ho capito dopo essermi confrontato con registi, attori, produttori, funzionari di rete, voglio raccontarlo, senza giri di parole, a chi intende percorrere la stessa strada.
E, forse è la cosa più importante, questo libro aiuta a tenere i piedi per terra: «soprattutto, non createvi alcun genere di aspettativa: tutto ciò che inseguirete vi sfuggirà continuamente e niente vi darà mai pace e serenità».
Grazie Ninni.

P.S. E ora proviamo a organizzare una bella presentazione a Cagliari!

Andrea Mameli, blog Linguaggio Macchina, 22 settembre 2017



Autore: Ninni Bruschetta
Titolo: Manuale di sopravvivenza dell’attore non protagonista
Pagine: 176
Codice isbn: 9788876258473
Prezzo in libreria: € 16,00
Codice isbn Epub: 9788876259685
Prezzo E-Book: € 7.99
Data Pubblicazione: 25-02-2016

Nessun commento: