14 ottobre 2006

Fulco Pratesi e le domande sugli animali

Da piccolo anche lui si poneva mille interrogativi sulla natura. Pratesi Per questo ieri sera Fulco Pratesi ha risposto con pazienza alle decine di domande rivoltegli dai bambini che hanno partecipato all'incontro con il presidente del WWF Italia organizzato nell'ambito del Festival Tuttestorie. Molto affascinante la descrizione che Pratesi fa (anche nel libro cui era dedicato il titolo dell'incontro "Nella giungla di Sandokan") dei suoi incontri con gli animali, piccoli e grandi che siano. Da ammirare anche quella capacità di raccontare con grande lucidità ma con estrema semplicità i problemi importanti, come l'importanza della biodiversità e il rischio delle contaminazioni da pesticidi. Ma i bambini sembravano non essere molto interessati ai temi più problematici, quanto, e forse è giusto, alle colorazioni, al peso, alla velocità e alla forza degli animali più distanti da quelli (ma li avranno mai visti dal vivo?) presenti nei nostri ambienti.
A essere sinceri, tolte quelle dieci domande brillanti e utili a mantenere vivo l'interesse, con un Pratesi in splendida forma e capace di dare risposte profonde e colorate, alcuni bambini hanno ripetuto quello che accade in molti luoghi. Come l'acquisto compulsivo e lo stesso consumo compulsivo [concetto per il quale rimando all'intervista Sulle tracce di Salgàri. Pratesi insegue il sogno dell'infanzia (quotidiano L'Unione Sarda, 16 ottobre 2006, pag. 10)] ho scoperto che esiste anche il domandare compulsivo. Solo così mi spiego perché i bambini seduti ai piedi del relatore si accanivano a chiedere quante righe ha la tigre, quanti pallini ha la giraffa, se un rinoceronte pesa più di un ippopotamo o quanto è piccola una formica.
Di bisogno di far domande, per fortuna ne abbiamo sembre e guai se così non fosse, ma allora chiediamoci perché si deve attendere Fulco Pratesi per porre quesiti che forse avrebbero potuto avere risposta a casa o a scuola. Un sospetto mi viene... Forse abituati a trangugiare la tv, cui non si puà chiedere nulla, i bambini non sanno più che possono abbeverarsi anche ad altre fonti del sapere. Un libro, un'enciclopedia, un papà capace almeno di aiutare a cercar le risposte, una mamma che sappia dov'è l'enciclopedia.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Bella iniziativa il festival di letteratura per ragazzi, purtroppo ero impegnato in altro e mi son perso quasi tutto. Belli anche i tuoi pezzi. Bravo Andrea, mi sa che sei l'unico che sa fare giornalismo scientifico in Sardegna. Divulgare, spiegare, senza appiattire, senza banalizzare, e soprattutto sapendo cosa chiedere all'intervistato di turno! Non è mica facile.
ciao
Paolo Maccioni