13 gennaio 2008

Cagliari garbage... Vergogna!

cagliari garbage Cagliari, una domenica mattina, una piazza in pieno centro città: il cassonetto è nel suo massimo splendore. Una raccolta multicolore di sacchetti indifferenziati. E lui, triste, accoglie tutti. aliga Non ha amici di altri colori pronti a divorare specifiche categorie di rifiuti. Questa è la città governata da amministratori che l'altra notte hanno tentato, inutilmente, di opporsi all'arrivo di rifiuti da Napoli. E la notte successiva hanno partecipato alla manifestazione contro i rifiuti degenerata in scontri urbani come giustamente ci fanno notare Al Jazeera e BBC News... Vergogna!

P.S. Il cassonetto nelle foto è sotto casa mia. Questa, a parer mio, è la brutta immagine di Cagliari e della Sardegna. Non certo l'aver accolto poche migliaia di tonnellate di rifiuti partenopei...

Non viviamo in un sistema chiuso. Riflessioni sui rifiuti (Andrea Mameli, tuttigiuperterra, 12 gennaio 2008)

Quell'Apocalisse annunciata dai media e l'improvviso sdegno ecologista di chi non sembrava amasse la Sardegna (Francesca Madrigali, altravoce, 12 genn. 2008)

2 commenti:

Francesca ha detto...

Il problema ha tante facce: la cattiva informazione, la demagogia che sta dietro a certe esternazioni puramente strumentali, e soprattutto il fatto che prima di gridare allo scandalo per qualche tonnellata di rifiuti altrui, sarebbe bene preoccuparsi della pigrizia sarda a gestire i nostri! La Sardegna, si spera, non sarà una seconda volta il salvagente della Campania; nel frattempo, si preoccupi di differenziare anche se non è (ancora) costretta, di non sprecare, insomma di essere lungimirante!

Anonimo ha detto...

Sono d'accordo con te Andrea... ma quanto è difficile capire le cose con razionalità, assediati come siamo dalle emergenze e dal panico scatenato dai media!
Questa dell'immondizia mi ricorda l'"emergenza" meningite: a sentire gli epidemiologi l'incidenza è quella sempre osservata. Allora cosa è cambiato? L'attenzione dei media sui casi di meningite che creano panico e fanno esaurire i vaccini disponibili!
Paolo