17 giugno 2008

La biblioteca digitale della Sardegna (Il Messaggero Sardo, maggio 2008)

sardegnadigitallibrary.it Cultura e memoria allo schermo del computer. La Regione Autonoma della Sardegna si dota di un ampio catalogo di contenuti multimediali composto da fotografie, filmati, registrazioni audio, testi: la Digital Library. I contenuti provengono dai siti Internet istituzionali regionali, dagli archivi della RAI, dell’Istituto Luce, dell’Istituto superiore etnografico, dell’Esit, dell’ Ersat, e da contributi individuali forniti da privati. La documentazione che accompagna i materiali presenti nel sito contiene informazioni dettagliate su autore, anno di produzione e durata, nel caso di video e audio, o casa editrice, luogo e anno di edizione, nel caso delle pubblicazioni. La Digital Library è dotata di un sistema di ricerca interno, inoltre a ciascuno degli elementi vengono associate opportune parole chiave che permettono di rintracciare i materiali per autore, data, argomento. Ma i documenti si possono cercare anche per autore, provenienza e in base a parametri come i più visitati.
Questo servizio costituisce un ineguagliabile contenitore di testimonianze audiovisive e per il fatto di rendere disponibili facilmente e gratuitamente un grande numero documenti altrimenti non disponibili al grande pubblico assume il prezioso valore di risorsa democratica e non esclusiva.
Il numero di documenti testuali e di file audio e video è poi destinato a crescere con il tempo, attraverso donazioni di privati e acquisizioni da biblioteche, musei e fondazioni. La biblioteca digitale della Sardegna ha anche l’enorme pregio di rendere disponibili pagine antiche (e delicate) come la Carta De Logu del 1400, la cui consultazione non è più un privilegio riservato a pochi.
Aprendo il sito della Sardegna Digital Library si trovano immediatamente le quatto sezioni: Video, Immagini, Audio, Pubblicazioni, suddivise nei seguenti argomenti: Ambiente e territorio, Archeologia, Architettura, Arte, Artigianato, Cartografia, Enogastronomia, Eventi, Flora e fauna, Letteratura, Lingua sarda, Luoghi della cultura, Musica, Sport, Storia e tradizioni.
Le potenzialità della biblioteca digitale sono immense, dalla consultazione privata all’uso accademico, ma i materiali, opportunamente scelti, possono essere utilizzati a scuola e rappresentano un patrimonio culturale di immenso valore. L’importanza della conservazione della conoscenza e della sua disponibilità per le generazioni future, non possono al momento essere valutati. L’unica carenza è a nostro parere l’assenza, di tre argomenti, scienza, tecnologia e medicina, che in Sardegna hanno avuto (come le miniere), hanno (ad esempio lo studio delle caratteristiche genetiche della popolazione sarda) e avranno (basti pensare al radiotelescopio in costruzione a San Basilio) significative espressioni, per le quali la documentazione audiovisiva sarebbe di sicuro interesse.
ANDREA MAMELI (Il Messaggero Sardo, maggio 2008)

www.sardegnadigitallibrary.it

Nessun commento: