03 luglio 2010

Allai: case sugli alberi e creatività responsabile

Treehouses Un mese fa mi trovavo a Roma, nella libreria della Casa dell'Architettura. Tra i tanti volumi esposti ne ho scelto uno: Case sugli alberi. Treehouses di Andreas Wenning (Edizioni L’Archivolto, 2009, formato 28 x 22,5 cm, 240 pagine, 350 foto a colori, 65,00 €). Un libro bellissimo per sognare e per progettare. Oggi da Facebook ho scoperto che in Sardegna saranno costruite alcune case sugli alberi nell'ambito del Master internazionale "Paesaggi Straordinari" (Politecnico di Milano e Nuova Accademia di Belle Arti di Milano) e del Master "Interior Design" (organizzato dall'Associazione Paesaggi Connessi). Dal 5 al 15 luglio a Allai (Oristano) si sta svolgendo il Workshop Ecorurality 2010 Abitare il paesaggio: Per una strategia di valorizzazione del territorio.
Ho chiesto informazioni e sono stato prontamente contattato da Carlo Salvatore Laconi (organizzatore dell'evento insieme al Comune di Allai, all’Associazione Paesaggi Connessi) con l’obiettivo di osservare il territorio attraverso diversi punti di vista: paesaggistico, culturale, antropologico, artistico. Il progetto Ecorurality si sviluppa attraverso un percorso di conoscenza e interpretazione del paesaggio, per affrontare le esigenze di costruire e abitare sostenibile. In altre parole creatività responsabile. Ecorurality Per gli organizzatori di questa splendida esperienza (che mi auguro di poter osservare con i miei occhi) l‘albero diventa l‘elemento portante e la casa edificata sulla sua cima rappresenta il simbolo di questo percorso. La casa sull'albero, come leggiamo nel libro di Wenning e nei testi diffusi dagli organizzatori dell'esperienza di Allai, si basa su un modello radicato nell'immaginario collettivo. "Perché oggi ci si fa costruire una casa sull'albero?" - chiede l'architetto tedesco Eberhard Syring nella prefazione al volume di Andreas Wenning - "Il sociologo Gerhard Schulze ha coniato l'espressione 'società dell'esperienza' per descrivere una tendenza attualmente dominante. Il desiderio di sperimentare qualcosa di diverso è un'esigenza che riguarda quasi tutti gli strati della società, mentre i singoli prodotti e gli orientamenti commerciali verso quello che Schulze chiama 'il mercato dell'esperienza' hanno registrato una straordinaria moltiplicazione proprio con l'obiettivo di fornire la 'diversità'. La casa sull'abero rappresenta un'offerta speciale. Offre un'offerta spaziale e spirituale primitiva, a contatto con la natura."
Andrea Mameli, Cagliari, 3 giugno 2010

Ecorurality 2009 (Allai)

Nessun commento: