20 marzo 2012

La Jetée di Chris Marker. Un film di Fantascienza (del 1962) molto particolare.

L'ispirazione viene da un racconto di quel genio di James G. Ballard, ma ci vuole tutta la qualità di un regista come Chris Marker (nome d'arte di Christian François Bouche-Villeneuve) per fare di questo cortometraggio (costruito con una sequenza di fotografie) una valida e originale proposta di fantascienza. Siamo in piena era postatomica e la civiltà dei terrestri si è tradferita sotto terra per cercare di sfuggire alle radiazioni. In queste condizioni gli scienziati sopravvissuti tentano l’unica via possibile per rimediare alla distruzione globale: “rivivere il passato per salvare il presente”. E la modifica del tempo è l'intuizione vincente di questo film.
Chris Marker e la sua Pentax Spotmatic realizzano un cinema essenziale e convincente: vincitore del Prix Jean Vigo, La Jetée ha ispirato il regista Terry Gilliam per la produzione del film L'esercito delle 12 scimmie.

1 commento:

daniele barbieri ha detto...

Grazie per questa segnalazione. C'è molto altro di Chris Marker da vedere (e da leggere). I suoi film circolano ancora, seppure con difficoltà. Prezioso e pochissimo invecchiato "Scene della terza guerra mondiale, 1967-1977" (questo mi pare il titolo originale) che divenne anche un libretto - con la prefazione di Goffredo Fofi - per la universale della Feltrinelli.