03 settembre 2012

Primi pianeti circumbinari, in fascia abitabile. Un articolo pubblicato su Science il 31 Agosto 2012.

Il sistema solare, anzi bi-solare, scoperto dalla NASA, è il primo caso di pianeti circumbinari nella fascia abitabile. Stiamo parlando di due pianeti che si trovano a una distanza dalla stella madre tale da essere potenzialmente compatibile con la presenza di condizioni utili allo sviluppo della vita, come l'acqua allo stato liquido.
Come ha scritto Marco Malaspina – Due soli per due pianeti (INAF, 29 Agosto 2012) – il merito di questa scoperta va a Kepler, il cacciatore di mondi alieni della NASA: "Al centro c’è la coppia di stelle, in rapida rotazione – sette giorni e mezzo – l’una attorno all’altra. La maggiore delle due è grande quanto il nostro Sole, mentre la compagna è circa tre volte più piccola e 175 volte più debole. Insomma, chi si trovasse a prendere la tintarella da quelle parti, pur con due soli che splendono in cielo, non dovrebbe per forza cospargersi di doppia protezione UV".
Andrea Mameli www.linguaggiomacchina.it 3 Settembre 2012

L'articolo, pubblicato online il 28 Agosto e nell'edizione a stampa il 31 Agosto, riporta 39 firme.
Ecco titolo, link e abstract:

Kepler-47: A Transiting Circumbinary Multiplanet System
Abstract
We report the detection of Kepler-47, a system consisting of two planets orbiting around an eclipsing pair of stars. The inner and outer planets have radii 3.0 and 4.6 times that of Earth, respectively. The binary star consists of a Sun-like star and a companion roughly one-third its size, orbiting each other every 7.45 days. With an orbital period of 49.5 days, 18 transits of the inner planet have been observed, allowing a detailed characterization of its orbit and those of the stars. The outer planet's orbital period is 303.2 days, and although the planet is not Earth-like, it resides within the classical “habitable zone” where liquid water could exist on an Earth-like planet. With its two known planets, Kepler-47 establishes that close binary stars can host complete planetary systems. 

Nessun commento: