20 marzo 2014

Mont’e Prama: il complesso statuario dal vivo e in 3D. Dal 22 Marzo 2014 a Cagliari e Cabras

Ricostruzione virtuale delle statue di Mont'e Prama (CRS4)
Valeva la pena aspettare. Nutro il sospetto che se il complesso statuario di Mont'e Prama fosse stato esposto all'epoca del ritrovamento (1974) non ci sarebbe stato un restauro così meticoloso e una ricerca così accurata di modalità espositive avanzate. Secondo me ci si sarebbe accontentati di ammirare i frammenti così com'erano (o, peggio, rabberciati malamente) e, paradossalmente, non si sarebbe creato quel fascino aggiuntivo di cui queste straordinarie opere (meritatamente) godono.
Lo schermo tattile a retroproiezione a grande scala (CRS4)
Sono convinto che se oggi possiamo ammirare queste opere imponenti e dai tratti moderni nelle modalità più complete e avanzate possibili (manca solo l'approccio tattile ma ci si arriverà sicuramente) lo dobbiamo alle tecnologie disponibili, all'apertura mentale di chi ha compiuto scelte importanti e alla competenza delle persone coinvolte in questa lunga e delicata operazione.
Le statue di Mont’e Prama saranno visibili a partire da Sabato 22 Marzo 2014: a Cagliari (Museo Archeologico Nazionale, Piazza Arsenale) e a Cabras (Museo Archeologico Giovanni Marongiu, via Tharros 121). E lo saranno in due modalità: dal vivo, con le vere statue, e su schermo, con l’esplorazione interattiva sviluppata in Sardegna dal gruppo di Visual Computing ViC del CRS4 (Centro di ricerca, sviluppo e studi superiori in Sardegna) in collaborazione con la Soprintendenza i beni archeologici per le province di Cagliari e Oristano.
Nel corso della conferenza stampa di presentazione della mostra Mont'e Prama 1974/2014, il Soprintendente per i beni archeologici per le province di Cagliari e Oristano, Marco Minoja, ha sottolineato l'importanza della collaborazione che si è realizzata fra la soprintendenza, gli enti locali coinvolti e il CRS4. 
I metodi multirisoluzione sviluppati dal CRS4, combinati con luci e ombreggiature sintetiche, permettono di passare da visioni d'insieme ad analisi di dettaglio dei più piccoli rilievi superficiali, superando i limiti degli attuali sistemi di presentazione museali basati su immagini o rappresentazioni semplificate.
I dati raccolti per la digitalizzazione del complesso statuario di Mont'e Prama saranno messi a disposizione della comunità scientifica per attività di ricerca nell'ambito di un progetto europeo in corso al CRS4 sulle tecnologie data-intensive. 
Immagine di un pugilatore (CRS4)
«Il sistema interattivo che abbiamo integrato nell’apparato museale per Mont’e Prama - spiega Enrico Gobbetti, responsabile del gruppo Visual Computing del CRS4 - è uno dei risultati tangibili di attività di ricerca pluriennali che hanno già ottenuto importantissimi riconoscimenti scientifici. Forma e colore di 37 statue restaurate sono stati misurati tramite l’uso combinato di oltre 6200 scansioni laser e circa 4200 fotografie con luce controllata. Attraverso metodi informatici innovativi da noi ideati e sperimentati, che hanno permesso la rimozione automatica dei supporti delle statue, la stima del colore naturale e la fusione geometrica e colorimetrica, abbiamo creato ricostruzioni virtuali tridimensionali colorate alla risoluzione di 16 punti per millimetro quadrato che documentano accuratamente l’attuale stato di conservazione dei reperti. Questi modelli tridimensionali sono ora presentati al pubblico attraverso un sistema interattivo basato sulle nostre tecnologie di visualizzazione. Questa combinazione di metodi innovativi di acquisizione, ricostruzione e visualizzazione ci ha permesso di dotare i poli museali dedicati alle statue di Mont’e Prama di sistemi con caratteristiche uniche nel panorama internazionale».
Ricostruzione virtuale di un pugilatore - solo forma (CRS4)
Ricostruzione virtuale di un pugilatore - forma e colore - risoluzione di 16 punti/mm2 -- simulazione di illuminazione sintetica a partire da dati di riflettività misurati (CRS4)

Se al momento non esiste in Sardegna uno spazio adatto a contenere il complesso statuario di Mont'e Prama nella sua interezza, con tutti i requisiti che un'esposizione del genere richiederebbe, esiste invece (a Cagliari e a Cabras) un'esposizione che offre ai visitatori quella visione d'insieme e quella qualità percettiva che, a mio modo di vedere, offre una ricompensa adeguata alle aspettative che, negli anni, si sono create intorno a queste magnifiche opere.


Andrea Mameli, blog Linguaggio Macchina, 20 Marzo 2014





Giganti di Mont'e Prama alla Fiera di Cagliari con il CRS4 (Linguaggio Macchina, 22 Aprile 2013)

15 febbraio: appuntamento con i giganti! (Linguaggio Macchina, 8 Febbraio 2008)

Sulle spalle dei nostri giganti... (Linguaggio Macchina, 24 Gennaio 2008)


1 commento:

meeera singh ha detto...


Nice Blog...

statuario