14 agosto 2014

"Aiuto, mi hanno clonato Facebook". Una storia vera

Noi abbiamo a cuore la nostra identità.
Noi siamo la nostra identità.
E la nostra identità, oggi, è fatta di tante componenti.
Una di queste è l'immagine che diamo di noi stessi nei social media.
E se scopriamo la presenza su Facebook di un nostro clone, con il nostro nome e le nostre foto? Le leggi italiane puniscono il reato di sostituzione di persona con la reclusione fino a un anno e alla responsabilità penale si aggiunge quella civile. Nonostante ciò accade. Linguaggio Macchina ne ha parlato con l'antropologa Alessandra Guigoni, vittima pochi giorni fa di un episodio di clonazione.


Alessandra come hai scoperto di essere stata clonata?
«L'ho scoperto per caso, una mia amica facebook la mattina presto mi ha mandato un messaggio dicendomi che le avevo richiesto l'amicizia e che lo trovava strano, in quanto eravamo già amiche. Mi sono subito allertata perché so che Facebook è croce delizia, l'idea è ottima, vincente, collegare gli amici attraverso una piattaforma social facile da usare ma... è piena di insidie, tranelli, come questo che ti racconto appunto. Pochi minuti dopo mi sono arrivati altri messaggi da altri amici, dicevano che avevo fatto commenti strani nelle loro bacheche e mi hanno chiesto se mi avessero violato il profilo.
Anch'io i primi minuti ho pensato che qualcuno, non so come, avesse scoperto la mia password e fosse entrato nel mio profilo... ho cambiato subito la password, d'istinto, che è sempre un'ottima cosa da fare, quando si sospetta attività illecita tramite il proprio account. Ma non era così, era peggio.
Passano pochi minuti e mi contattano due amici facebook dicendomi che possono risalire al profilo che sta spammando, ossia inondando di spazzatura (commenti, foto ecc.) le loro bacheche... mi danno l'indirizzo facebook e scopro essere tale “alessandr.guigoni”, è pazzesco. Una “a” in meno rispetto a me, ma nel profilo risulta Alessandra Guigoni, come me. La sua bacheca ha alcune mie foto che mi ritraggono copiate dal mio profilo o dal web, si fa chiamare come me e scrive di essere antropologa ecc. ecc. è il mio clone!
Non è la prima volta che sento parlare di cloni, ne ho letto su qualche articolo ne ho vago ricordo, e ricordo questo episodio: due o tre anni fa una conoscente su facebook, sinceramente ora non ricordo il nome, mi scrisse un messaggio privato invitandomi a segnalare a Facebook stesso la presenza di un suo clone. Rammento che trovai tutto molto strano, anzi improbabile, ma la assecondai e segnalai il falso profilo su Facebook.
In quel momento mi trovavo in una posizione imbarazzante, dovevo bloccare il clone al più presto e scusarmi con gli amici che stava molestando... dovevo dimostrare a Facebook di essere io l'”autentica” Alessandra Guigoni, la qual cosa trovavo un po' ridicola, in un altro momento l'avrei trovata anche divertente, ma non in quel momento... in quel momento ero dispiaciuta, preoccupata e anche incavolata con il fantomatico clone, che stava facendo “amicizia” con i miei amici, si era già accaparrato una trentina di miei amici, e chattava con loro fingendo di essere me. No non era divertente la situazione. Era drammatica.
Ricordavo la mia impressione di incredulità di quell'episodio avvenuto anni prima... come spiegare che c'era un mio clone, col mio stesso nome e foto sul profilo, che si comportava malissimo e scriveva chissà cosa?»

Che contromisure hai adottato?
«Ho subito segnalato la cosa a Facebook. Ho chiesto agli amici che mi avevano scritto di fare lo stesso, dando loro l'indirizzo web del falso profilo. Ma non è semplice. Facebook esegue controlli ma come dimostrare che il clone era lui/lei e non io? Oltretutto il clone mi aveva bloccato e io non potevo vedere più le sue attività, i suoi nuovi amici (che erano i miei!). Una mossa abile la sua, stavamo giocando una partita a scacchi, ma lui/lei giocava sporco. Allora ho chiesto ad un'amica fidata di darmi la sua password e sono entrata col suo accesso. Ho così potuto accedere alla bacheca del clone e copiare tutti i nomi dei miei amici con cui stava intrattenendosi, fingendo di essere me. Tornata in me, ironico a dirsi, cioè nel mio profilo, ho scritto una trentina di messaggi ai miei amici in pericolo, molti dei quali erano collegati e per fortuna hanno subito bloccato il falso profilo. Nel frattempo ho ricevuto diverse chiamate, da amici preoccupati per il fatto che questo clone era entrato nei loro profili e visto foto e commenti personali, alcuni amici hanno profili molto riservati e un concetto della privacy giustamente elevato. Sai io uso Facebook per lavoro, e non metto foto o commenti intimi, privati, altri amici sì, e si sono sentiti giustamente ingannati e violati. Mi sentivo responsabile, anche se in effetti non lo ero!
Ho perso tutta la mattina, mandando segnalazioni a facebook, rispondendo alle chiamate, chattando con gli amici per avvertirli e rassicurarli che il clone sarebbe stato presto sgamato da Facebook. Così è stato. Facebook in meno di due ore ha chiuso il falso profilo. A fine mattina la tempesta in un bicchiere d'acqua era finita.
Nel frattempo ho fatto anche denuncia direttamente online alla Polizia postale. Basta entrare nel loro portale, accreditarsi e descrivere ciò che è successo. E' sempre importante segnalare anche alle autorità competenti, che per il web sono la Polizia postale appunto, ciò che ci succede su internet. Possiamo contribuire a sventare crimini, anche gravi, attraverso pochi click.»
Puoi raccontarci che sensazioni hai provato? 
«Frustrazione, senso di rabbia e incredulità. Perché questo clone ce l'aveva con me? Sappiamo che Internet è tutto e il contrario di tutto, che c'è il bene e il male. Questo tipo di hackeraggio, di pirateria è il male! E' molto più diffusa di ciò che non pensiamo. Ogni giorno milioni di pirati informatici tentano di insinuarsi nelle nostre vite, di rubarci password, dati sensibili e via discorrendo. Le truffe su Internet sono all'ordine del giorno. Nel mio caso si è trattato di “appropriazione indebita di identità”, di furto di identità. Da ciò che ho letto (nei giorni successivi mi sono informata, per capire meglio ciò che mi era successo) è un evento molto comune. Qualcuno si sostituisce a te, o tenta di farlo, per poi spillare informazioni, quattrini e chissà cos'altro ai tuoi amici! A quel che so nella legislazione italiana non esiste una normativa specifica sul furto di identità ma il reato è punibile con l’articolo 494 del Codice Penale sulla “Sostituzione di persona”. È un crimine penale, attenzione, lo dico a quei cretini (passami la parola) che clonano profili o peggio.»

Cosa ti ha insegnato quest'esperienza?
«L'esperienza mi ha insegnato che Internet non si conosce mai abbastanza, sono stata troppo self-confident, come dicono gli Inglesi, mi sono fidata troppo sia della mia conoscenza della rete, ci sto da così tanti anni! sia di Facebook, che èun social, come dicevo, molto utile, popolare e interattivo ma anche rischioso.
Il mio profilo è pubblico ma alcune impostazioni, come la lista degli amici e delle liste, ora l'ho resa privata, visibile solo a me. Spero così di tutelare maggiormente me stessa e gli amici, che approfitto qui per ringraziare per la loro comprensione e pazienza in quel brutto frangente.»


Andrea Mameli

Blog Linguaggio Macchina
14 Agosto 2014

Falso profilo su Facebook, un reato che può costare caro (Marisa Marraffino, il Sole 24 Ore, 22 Ottobre 2009)

 

Nessun commento: