06 settembre 2015

Vera Bugatti e l'anamorfismo di strada

Ogni tanto ho bisogno di riguardare Gli ambasciatori: la tela di Hans Holbein (1533) nella quale il teschio si vede solo osservando la tela di lato. Mi serve a ricordarmi quanto il nostro sguardo può essere imbrogliato. E mi impongo di osservare sempre con attenzione.
Quel disegno anamorfico mi è ritornato in mente questa mattina di fronte all'opera di Vera Bugatti invitata a Cagliari da Urban Center. Del resto son un'opera di Vera Bugatti è citata nella pagina di Wikipedia dedicata alla parola Anamorphosis. Ho cercato di rendere visibile l'effetto con alcuni scatti e un brevissimo video. Spero di esserci riuscito: l'anamorfismo di strada emoziona e comunica con immediatezza quando è visto dal vivo, in foto non sempre si riesce a restituire la potenza del tocco artistico.
I miei complimenti all'artista e a chi l'ha invitata a Cagliari.

Andrea Mameli, 6 Settembre 2015
 



Per approfondire:
Disegno anamorfico. La tecnica per realizzare immagini tridimensionali (Roba da grafici, 2014)
L'anamorfosi tra arte, percezione visiva e "prospettive bizzarre" (ENEA, 2013)

Nessun commento: