27 ottobre 2016

Leggere di cinema, spiegare il cinema, scrivere per il cinema. Tre belle letture.

A volte i libri si svegliano dal letargo in cui li abbiamo costretti e si manifestano, come a chiederci: "Leggimi!". E se ricompaiono in gruppo è un chiaro segnale: "Leggici insieme!".
Mi è successo qualche giorno fa con Fuori il regista (David Grieco, 1979), Spiegare il cinema ai bambini (Laura Galasco, Marina Oddenino, Francesca Paraboschi, 2006) e STORY: Substance, Structure, Style and the Principles of Screenwriting (Robert McKee).
Il libro di David Grieco contiene una serie di interviste a registi raccolte nella sua lunga esperienza di critico cinematografico. Ci trovo Bertolucci che accende squarci di luce sul cinema: "Nato e cresciuto, non a caso, di pari passo con la psicoanalisi, il cinema è la materializzazione corrente di quell'inconscio collettivo che un qualsiasi «regime» ha, nel ventesimo secolo, l'«obbligo» di pilotare o, altrimenti, di distruggere. Come il sogno, il cinema è un mondo ineffabile che si sovrappone al nostro presente reale, teoricamente liberatorio rispetto a quest'ultimo se l'ispirazione poetica assolve il suo naturale compito disinibitorio, praticamente coercitivo se utilizzato quale veicolo di sopraffazione mediante coercizione."
Il manuale di Galasco, Oddenino, Paraboschi si rivolge a genitori e insegnanti e fornisce ottimi consigli per analizzare i film con i bambini, dal titolo alla narrazione alle riprese ai diversi significati che si possono cogliere attraverso la visione di una pellicola, uno strumento concredo di "pedagogia dello spirito critico".
Nel volume di Robert McKee c'è tutto il resto. Ci sono le istruzioni in sintesi come in un manuale. C'è la storia del cinema. C'è chiara, senza semplificazioni, l'idea che un film nasce da uno studio severo, da un progetto serio, da un'idea vincente. Ma STORY mostra anche il profondo amore di McKee per la scrittura e per il cinema. E lo fa spiegango la forma, non le formule per raggiungere il successo.

Andrea Mameli, blog Linguaggio Macchina, 27 Ottobre 2016

Nessun commento: