25 febbraio 2010

Non c'è più religione (era: Non ci sono più le stagioni di una volta!)

Alfonso Fuggetta ha ragione: Non ci sono più le stagioni di una volta! e nel suo interessantissimo blog si chiede: "Ma che diavolo vuol dire?"
Tutto parte da qui: “Microsoft Corp. said it reached a patent licensing agreement with Amazon.com Inc. that gives the online retailer rights to use open-source software in its Kindle electronic book reader and servers based on the Linux operating system.”
Una prima risposta la troviamo su Fortune del 14 maggio 2007: (Microsoft takes on the free world): Microsoft claims that free software like Linux, which runs a big chunk of corporate America, violates 235 of its patents. It wants royalties from distributors and users. Users like you, maybe.
The conflict pits Microsoft and its dogged CEO, Steve Ballmer, against the "free world" - people who believe software is pure knowledge. "We live in a world where we honor, and support the honoring of, intellectual property," says Ballmer in an interview. FOSS patrons are going to have to "play by the same rules as the rest of the business," he insists. "What's fair is fair."
Sono passati quasi 3 anni e la lista dei 235 brevetti violati non si è ancora vista. Forse la spiegazione è semplice: il software è un algoritmo matematico e per questo non può essere brevettato. O forse il discorso è più complesso. Vedremo.
Di sicuro non finisce qui.
Andrea Mameli, Cagliari, 25 febbraio 2010.

Nessun commento: