29 marzo 2013

Fiumi, incontri, rumori e topografia. Carboni a Hong Kong

Alessandro Carboni a Hong Kong: Learning Curves, Shing Mun River. Sound Topography around Shing Mun River: 5 Aprile 2013.
«La drammatica trasformazione urbana di Hong Kong, dalla fine degli anni '50 a oggi, ha cambiato il volto della città e la sua identità. L'attività antropomorfa nella zona di Shatin, che ha avuto inizio nei primi anni 70 ', dopo la bonifica e l'estensione di terra sul mare, ha cancellato molti villaggi rurali, creando il più grande agglomerato urbano residenziale di Hong Kong». Alessandro Carboni, artista visivo attualmente a Hong Kong, ci racconta queste trasformazioni a partire dalle sue esplorazioni lungo il fiume Shing Mun. Il fiume è il confine tra l'ambiente naturale e quello artificiale. Secondo l'artista il fiume è l'elemento centrale della trasformazione, un paesaggio tangibile, un elemento di equilibrio in cui tutti gli elementi naturali e artificiali possono essere variamente collegati.
Dopo due mesi a Hong Kong, Alessandro Carboni presenta in una mostra l’installazione Sound Topography around Shing Mun River: il diario del viaggio che ha per filo conduttore il fiume Shing Mun. Alessandro ha esplorato le aree di Tai Wai, Tai Po, Pai Tau Village, Siu Lek Yuen Village, Fo Tan e Sam Mun Tsai con la tecnica della registrazione dei suoni in presa diretta, a passo d'uomo: soundwalks.

L'installazione, formata da sei postazioni audio con cuffie e sei sedie, si trova all'aperto intorno a una piazza vicino alla stazione Shatin Mtr. In questo periodo Alessandro Carboni ha incontrato il signor Choy Sum Hon, un anziano abitante del villaggio Tai Wai. Dopo diversi incontri e interviste sulla storia del fiume Shing Mun, Alessandro Carboni ha proposto al signor Choy di presentare il loro dialogo in un formato performativo.
La performance è il doppio racconto che si basa sulla diversa percezione della mappa del territorio di Shatin e di Alessandro: la mappa diventa così la metafora di un nuovo territorio, un luogo per una nuova interpretazione della rappresentazione oggettiva e soggettiva dello spazio.

Le attività di Alessandro Carboni sono sostenute da una casa di produzione indipendente, Formati Sensibili, che si occupa di ricerca artistica e scientifica: www.formatisensibili.it
Andrea Mameli www.linguaggiomacchina.it 29 Marzo 2013
Progetto di Alessandro Carboni
Produzione: Formati Sensibili art&science mashups
Con il supporto di The Library by soundpocket, the Italian Institute of Culture e the General Consulate of Italy in Hong Kong
Fotografie e Grafica: Alessandro Carboni
Assistenza: Cristina Gervasi
Traduzioni: Andrea Scalas
Assistenza alla registrazione: Jacklam Ho
Un ringraziamento speciale a Mr. and Mrs. Choy Hon Sum.
Il reportage di Alessandro Carboni è stato pubblicato da Frontierenews.it

The Library by soundpocket: è un portale web che raccoglie suoni, voci e rumori che raccontano storie della nostra cultura e della nostra società. Mira a creare una comunità di ascoltatori attivi curiosi di ascoltare un nuovo modo di conoscere se stessi e gli altri. Punta anche a contribuire alla crescita della pubblica cultura dell’ascolto. www.thelibrarybysoundpocket.org.hk

Soundpocket è un organismo non profit fondato nel 2008 con lo scopo di promuovere l'arte del suono e la sua ricerca e la formazione a Hong Kong
www.soundpocket.org.hk

Il progetto Soundpocket è finanziata dal sistema di finanziamento dello sviluppo Arts Capacity Development Funding Scheme of the Government of the Hong Kong Special Administrative Region. Soundpocket è sostenuta finanziariamente dalla ADC

Nessun commento: