13 giugno 2011

Eclisse totale di Luna il 15 giugno

luna eclisse Mercoledì 15 giugno 2011 si verificherà una nuova eclisse totale di Luna: il nostro pianeta si troverà allineato fra il Sole e la Luna (piena). E la Luna attraverserà i coni di penombra e d'ombra formati dalla Terra. Il fenomeno sarà osservabile da tutte le zone in cui il nostro satellite sarà visibile sopra l'orizzonte: quasi tutta l'Europa centrale, gran parte della Russia e della Cina, l'Africa, la Mongolia, l'Australia e l'Antartide.
La fase di penombra (in genere scarsamente percettibile) e l'entrata nell'ombra inizieranno, rispettivamente, alle 19:25 e alle 20:23 (ora locale).
In quel momento a Cagliari (e più in generale in tutta la Sardegna) la Luna si troverà ancora qualche grado sotto l'orizzonte e quindi queste prime fasi non saranno visibili.
La Luna sorgerà, già parzialmente eclissata, a Cagliari alle 20:43.
Per seguire questa fase parziale sarà necessario avere un orizzonte sgombro ad Est, poiché la Luna sarà bassa sull'orizzonte e inoltre ancora immersa nel chiarore del crepuscolo serale, dato che il Sole tramonterà "solo" alle 20:51.
La Luna sarà completamente oscurata (fase di totalità) dalle 21:22 - quando si troverà circa 5 gradi sopra l'orizzonte- sino alle 23:03 quando raggiungerà l'altezza di 18 gradi.
Questa fase di totalità sarà abbastanza lunga (circa 100 minuti) e sarà agevolmente, condizioni atmosferiche permettendo, osservabile da tutte le località dell'isola.
Bisogna ricordare che, a differenza delle eclissi di Sole, non ci sono rischi nell'osservare o fotografare la Luna, eclissata o no.
L'uscita dall'ombra avverrà subito dopo la mezzanotte e quella dalla penombra circa un'ora dopo.
Visibilità
Anche quando la Luna sarà eclissata non scomparirà del tutto. Questo poiché l'atmosfera terrestre rifrange, disperde e filtra la luce solare; pertanto, a causa dell'assorbimento delle radiazioni rosse da parte dell'ozono atmosferico, il disco lunare dovrebbe apparire verdastro prima e dopo l'eclisse. Mentre, come conseguenza dell'assorbimento delle radiazioni violette e ultraviolette da parte dell'atmosfera terrestre, rossastro durante l'eclisse. Le sfumature delle colorazioni e l'intensità dell'oscuramento possono essere determinate anche ad occhio nudo e costituiscono un elemento importante in quanto associabili alla maggiore o minore presenza nell'atmosfera terrestre di polveri, in particolare di origine vulcanica.
Secondo le previsioni, la Luna durante l'eclisse del 15 giugno dovrebbe essere abbastanza scura.
Il cielo serale di contorno proporrà (per tutto il mese) la visione del pianeta Saturno (che tramonterà nella seconda parte della notte) oltre al "Triangolo Estivo”, composto dalle stelle principali delle costellazioni dell’Aquila (Altair), della Lira (Vega) e del Cigno (Deneb), nelle cui vicinanze sarà possibile anche individuare la nebulosa Nord America.
Visibili solo prima dell'alba Marte, Venere e Giove.
Iniziativa INAF "Sotto la stessa Luna"
L'INAF (l'Istituto Nazionale di Astrofisica) invita a raccontare, per immagini e disegni, la propria visione dell'eclisse. Per partecipare (a partire dal 15 giugno) basta consultare la pagina web Sotto la stessa Luna.
Prossime eclissi
Per poter aver l'occasione di osservare in Sardegna un'eclisse totale di Luna con le stesse caratteristiche di grandezza, durata e comodità di orario bisognerà aspettare il 27 luglio 2018.
E' vero che ci sarà un'altra eclisse totale di Luna il prossimo 10 dicembre, ma in Sardegna sarà osservabile, e solo per alcuni minuti, la fase parziale al sorgere della Luna. Un'altra eclisse lunare avverrà il 25 aprile 2013 ma sarà, in assoluto, di brevissima intensità e durata, mentre l'eclisse totale del 28 settembre 2015 sarà ben visibile ma a notte fonda.
La prossima eclisse di Sole visibile in Sardegna (come parziale) è prevista invece per la mattina del 20 marzo 2015, non considerando quella, estremamente ridotta, che avverrà il 3 novembre 2013.
Informazioni
Astronews, Osservatorio Astronomico di Cagliari
Astro Channel, la tv INAF

Eclisse o eclissi?

Nessun commento: