31 ottobre 2012

"Cosa bella frisca": prova convincente per Dr.Drer & CRC Posse.

Ho appena ascoltato l'ultimo album del gruppo sardo CRC POSSE: 11 brani intensi, dove ogni parola è pensata per trasmettere emozioni e riflessioni. Riflessioni sulla Sardegna di oggi, sui suoi problemi (servitù militari, industrie inquinanti, multinazionali rapaci, politici inadeguati, baroni potenti, pericolosi benpensanti, emigrazione e disoccupazione). Stimo molto questo modo di fare musica, in grado di raccontare, con forza, quello che spesso neanche le cronache sono in grado di raccontare.
Un album musicalmente maturo che mi ha ricordato in qualche modo l'evoluzione del gruppo inglese The Clash ("London Calling", "Sandinista!", "Combat Rock") verso la ricerca di sonorità miste, dal punk rock al reggae. Una ricerca coronata dal successo internazionale per la band di Joe Strummer.
In CRC POSSE c'è di più: ci trovo la ricerca linguistica: non l'inglese ma italiano e sardo, ben miscelati.
E ci trovo inserti, riusciti, di world music: folk, etnica e popular music.
L'album si ascolta liberamente da questo link: DR.DRER CRC POSSE Cosa bella frisca [2012]

dr.drer: rimas, mutetu, computadora, boxi
Alex P: computadora, sintetizadoris, scarràfius
Riccardo "Frichi" Dessì: bàsciu, fueddus, boxi
Giorgia Loi: boxi
Mauro Mou: boxi
Giuanni Siccardi: boxi

Arregistrau de Enrico Rocca in Casteddu in su mesi de abrili de su 2012. Amesturau de Enrico Rocca, mastering de Erik Aldrey in Caracas (República Bolivariana de Venezuela).
in custu discu nci funt puru: Antonello Camboni, ghitarra; Franciscu Capuzzi, ghitarra sarda; Andrea Pisu, launeddas; Tore Agus, organetu; Marco Mulas, ghitarra; Luca Renoldi, ghitarra; Checco Adamo, ghitarra; Silvestro "Dr. Radio" Ziccardi, sassòfunu; Silvia Grussu, boxi; Mondo Usai, campaneddas, pipaiolu, tamburinos, trunfa

Nessun commento: