31 ottobre 2022

Augusto Bissiri, inventore sardo del secolo scorso: una lunga e incredibile storia

Augusto Bissiri (Cagliari 10 settembre 1879 – Los Angeles, 25 febbraio 1968) il 14 Luglio 1925 brevetta un sistema elettromeccanico di visione denominato Live Picture Production (A. Bissiri, US Patent July 14, 1925). Un dispositivo in grado di migliorare il disco di Nipkow e di entrare quindi nella lunga storia di innovazioni che ha portato all'invenzione della televisione.
Ho raccontato questa vicenda in un articolo «E Philo inventò la tv» pubblicato il 17 Settembre 2007 sulla pagina della cultura del quotidiano L'Unione Sarda.


La storia di Augusto Bissiri ha dell'incredibile: frequenta Ingegneria. a Roma, per un anno, poi si sposta a Giurisprudenza e si laurea nel 1903. Dopo due anni parte per gli Stati Uniti dove deposita alcuni brevetti, tra i quali:
Sheet music turner (1906)
Transmission of pictures (1929)
Dial cleaner for automatic telephones (1930)
Cigarette Extinguisher (1933)

Un articolo pubblicato sul quotidiano L'Unione Sarda il 22 Maggio 1906, Interessante invenzione di un sardo, illustra un esperimento condotto da Bissiri a New York: la "trasmissione telegrafica di disegni e di figure".

Consiglio vivamente una visita ai musei di Seui in cui non solo sono conservate alcune importanti testimonianze della vita e dell'opera di Augusto Bissiri (e dei suoi fratelli) ma sarete sorpresi dalla cura e dalla passione con la quale il personale della cooperativa S'Eremigu, che gestiste i musei di Seui, spiega la storia di questa famiglia.


Il fratello di Augusto, Adriano, nel 1936 ha brevettato una cerbottana spara aerei giocattolo: Miniature airplane adapted to be forcibly ejected into flight from a tube, by air pressure.

Ringrazio Sandra Ennas per le preziose informazioni sui brevetti di Augusto Bissiri, di cui mi diede notizia nel 2007.

Andrea Mameli

P.S. Lo spettacolo: "Augusto Bissiri, inventore" (di e con Valentina Sulas e Andrea Mamli) è andato in scena il 12 Novembre 2022 all'interno del Cagliari FestivalScienza.

Nessun commento: